Contabilità e Bilancio Stato

Get Started. It's Free
or sign up with your email address
Rocket clouds
Contabilità e Bilancio Stato by Mind Map: Contabilità e Bilancio Stato

1. Rendiconto generale dello Stato

1.1. definizione

1.1.1. documento contabile che riassume e dimo­stra i risultati della gestione dell’anno finanziario

1.2. funzioni

1.2.1. politico-amministrativa

1.2.1.1. controllo successivo

1.2.1.1.1. sulla conduzione del’attività finanziaria autorizzata dal Parlamento

1.2.1.1.2. sul conseguimento degli obiettivi individuati dal bilancio stesso

1.2.1.1.3. di verifica del grado di realizzazione annuale delle finalità previste a livello di programmazione pluriennale

1.2.2. politico-costituzionale

1.2.2.1. garantire il rispetto della competenza decisionale delle Camere in materia di finanza statale

1.2.3. giuridica

1.2.3.1. obbligo di deferire i i Ministri o i componenti dell’apparato amministrativo responsabili dei danni erariali alla Corte dei Conti.

1.3. ha natura

1.3.1. finanziaria

1.3.1.1. Conto consuntivo del bilancio

1.3.1.1.1. viene confrontato col bilancio di previsione

1.3.1.1.2. diviso in

1.3.2. patrimoniale

1.3.2.1. Conto generale del patrimonio

1.3.2.1.1. beni patrimoniali

1.3.2.1.2. beni demaniali

2. Organi

2.1. CIPE

2.1.1. definisce le liee guida della Politica Economica

2.2. ISAE

2.2.1. Ente pubblico di ricerca che svolge principalmente analisi e studi a supporto delle decisioni di politica economica e sociale del Governo, del Parlamento e delle Pubbliche Amministrazioni

2.3. RGS

2.3.1. organo generale supporto verifica

2.3.1.1. politiche

2.3.1.2. processi

2.3.1.3. adempimenti

2.3.2. rende conto a

2.3.2.1. Parlamento

2.3.2.2. governo

2.3.3. garantisce

2.3.3.1. corretta gestione

2.3.3.2. programmazione

2.4. Dipartimenti

2.4.1. RGS

2.4.1.1. Formazione

2.4.1.2. gestione

2.4.2. Politiche Fiscali

2.4.3. Tesoro

2.4.4. Amministrazione Generale Personale e Servizi

2.5. CDP (Cassa Depositi Prestiti)

2.5.1. trasformata in società per azioni (D.L. 30.09.2003, n. 269)

3. tempi (Legge 208/ 1999)

3.1. 30 giugno

3.1.1. presentazione rendiconto generale

3.2. 30 aprile

3.2.1. i ministeri presentano il rendiconto alla RGS

3.2.2. delibera rendiconto generale stato

3.3. trimestralmente

3.3.1. conti amm.vi delle spese

3.4. 2 mesi dalla chiusura esercizio

3.4.1. conto giudiziale

3.5. 2 mesi

3.5.1. invio della RDS alla CdC dei rendiconti dei rev.ri contabili

3.6. 1 anno

3.6.1. durata esercizio finanziario

3.7. non oltre il 31 ottobre

3.7.1. delibera bilancio di previsione enti PA

3.8. 4 mesi

3.8.1. durata esercizio provvisorio

3.9. entro 30 luglio

3.9.1. delibera assestamento bilancio

4. Rendiconti speciali

4.1. si dividono in conti

4.1.1. amministrativi

4.1.2. giudiziari

5. Normativa

5.1. RD 2440/ 1923

5.1.1. Legge contabilità generale Stato

5.2. r.d. 23.05.1924, n. 827

5.2.1. regolamento contabilità generale dello Stato

5.3. Costituzione art. 81

5.4. Legge 468/ 1978

5.4.1. introduce la Legge finanziaria

5.5. Legge 362/ 1988

5.5.1. introduce il DPEF

5.6. Legge 94/ 1997

5.6.1. introduce le UPB

5.7. D.Lgs 300/ 1999

5.7.1. unificazione ministeri Tesoro e Finanze

5.8. Legge 208/ 1999

5.8.1. modifica la legge finanziaria e il DPEF ed introduce i termini di presentazione dei documenti di bilancio

5.9. D.Lgs 76/ 2000

5.9.1. bilancio e contabilità delle regioni

5.10. D.Lgs 267/ 2000

5.10.1. TU leggi ordinamento EELL

5.11. DPR 97/ 2000

5.11.1. regolamento amm.ne contabilità enti PA

6. funzioni

6.1. informativa

6.1.1. strumento di rappresentazione delle risorse pubbliche disponibili

6.2. giuridica

6.2.1. ha forza di legge

6.2.1.1. vincola alla sua osservanza l’attività della pubblica amministrazione

6.3. politica

6.3.1. strumenti di indirizzo e di controllo

6.3.1.1. da parte dell’organo politico su quello esecutivo

6.4. economico-finanziaria

6.4.1. guidare l’azione direzionale ed esecutiva;

6.4.2. verificare l’economico e corretto uso delle risorse disponibili;

6.4.3. rendere il conto della gestione trascorsa;

6.4.4. permettere il confronto a consuntivo fra obiettivi e risultati.

7. tipologie di bilancio

7.1. consuntivo

7.1.1. bilancio di un esercizio già concluso

7.1.1.1. la rappresentazione

7.1.1.1.1. delle entrate effettivamente realizzate

7.1.1.1.2. delle spese effettivamente sostenute.

7.2. preventivo

7.2.1. bilancio di un esercizio successivo a quello in cui viene redatto

7.2.1.1. prevede

7.2.1.1.1. le entrate che si prevede di realizzare

7.2.1.1.2. le spese che si prevede di sostenere

7.2.2. in base a

7.2.2.1. momento cui sono riferite le previsioni.

7.2.2.1.1. di competenza o giuridico

7.2.2.1.2. di cassa

7.2.2.2. contenuto

7.2.2.2.1. bilancio economico

7.2.2.2.2. bilancio finanziario

8. Sistema di contabilità analitica

8.1. elementi cardine

8.1.1. Piano dei conti

8.1.2. centri di costo

8.1.3. servizi erogati

8.2. da compiuta attuazione disposizioni d.lgs. n. 29/93, riassorbito dal d.lgs. n. 165/2001

8.2.1. separazione di

8.2.1.1. compiti

8.2.1.1.1. di direzione politica

8.2.1.1.2. di direzione amministrativa.

8.2.1.2. responsabilità

8.2.1.2.1. amministrativa

8.2.1.2.2. politica

8.3. rende compatibile il bilancio pubblico (Stato, PPAA)

8.3.1. nuove esigenze dell’azione amministrativa

8.3.1.1. razionalizzazione organizzazione PPAA

8.4. ha valenza sostitutiva del fattore di inerzia del

8.4.1. meccanismo della spesa storica incrementale

8.5. tre momenti o fasi fondamentali

8.5.1. di gestione

8.5.1.1. di rilevazione degli eventi verificatisi

8.5.2. di programmazione

8.5.2.1. di definizione di obiettivi, risorse, azioni e tempi di realizzazione (budget)

8.5.2.2. formulazione del budget

8.5.3. di controllo

8.5.3.1. verifiche infraannuali dei risultati di gestione

8.6. nuovi/ e

8.6.1. procedure per

8.6.1.1. svolgimento del processo

8.6.1.2. adeguamento dell’organizzazione

8.6.1.2.1. per gestire i nuovi flussi di informazioni

8.6.2. strumenti di supporto per

8.6.2.1. misurazione e rilevazione delle informazioni.

9. principi

10. struttura

10.1. due grandi parti

10.1.1. spese

10.1.1.1. carattere formale

10.1.1.1.1. principio della finalizzazione

10.1.1.1.2. a norma delle leggi, decreti, regolamenti o altri atti di qualsiasi specie

10.1.1.2. tipologia

10.1.1.2.1. in generale

10.1.1.2.2. in base a alla destinazione economica

10.1.1.3. regime giuridico

10.1.1.3.1. principi

10.1.2. entrate

10.1.2.1. dal punto di vista

10.1.2.1.1. economico distinte in

10.1.2.1.2. giuridico

10.1.2.1.3. strettamente contabile

10.1.2.1.4. regime giuridico

11. contrattualistica pubblica

11.1. coordinate logico-giuridiche

11.1.1. fonti normative

11.1.1.1. in generale

11.1.1.1.1. norme generali di contabilità dello Stato

11.1.1.1.2. Sentenze Corte Cassazione

11.1.1.1.3. altre norme

11.1.1.1.4. norme solitamente contenute nelle leggi finanziarie annuali

11.1.1.1.5. norme attuative di direttive europee in tema di appalti di opere, forniture di beni e servizi

11.1.1.2. scuola

11.1.1.2.1. art. 31 e ss. del DM 1 febbraio 2001 n. 44

11.1.1.3. I capitolati d'oneri

11.1.1.3.1. definizione

11.1.1.3.2. hanno natura "contrattuale" e non normativo-regolamentare

11.1.1.3.3. scuola

11.1.2. autonomia

11.1.2.1. gestionale

11.1.2.1.1. equivoco concettuale

11.1.2.2. negoziale

11.1.2.2.1. equivoco concettuale

11.1.2.3. criterio finalistico

11.1.2.3.1. criterio interpretativo fondamentale per comprendere

11.1.3. "contratti" - "convenzioni"

11.1.3.1. convenzione o modulo di accordi convenzionali

11.1.3.1.1. nel diritto privato si sostanzia in accordi tendenti a regolare rapporti giuridici non patrimoniali

11.1.3.1.2. nel diritto pubblico non gode di una regolamentazione certa e chiara

11.1.3.1.3. elementi costitutivi

11.1.3.1.4. altro

11.1.3.2. contratto

11.1.3.2.1. instaura tra i due contraenti una relazione giuridica privatistica, composta di diritti ed obblighi reciproci

11.1.3.2.2. elementi costitutivi

11.1.3.2.3. forma

11.1.4. procedure contrattuali

11.1.4.1. strumenti di acquizione

11.1.4.1.1. di beni

11.1.4.1.2. di servizi

11.1.4.1.3. attraverso diverse forme

11.1.5. organi

11.1.5.1. il dirigente 

11.1.6. scelta del contraente

11.1.6.1. procedure

11.1.6.1.1. normativa nazionale

11.1.6.1.2. normativa comunitaria

11.1.6.1.3. per acquisti di basso importo

11.1.6.2. temi di interesse giuridico

11.1.6.2.1. esercizio del potere cd. di autotutela

11.1.6.2.2. la sorte che riceve il contratto di appalto già stipulato, qualora vengano annullati gli atti di gara e di aggiudicazione.

11.1.6.3. in ambito scolastico

11.1.6.3.1. l'art. 34 del DM 1.02.2001 n. 44, per contratti di valore economico superiore a 2000 Euro e salvo diversa disposizione di legge, prevede una "comparazione delle offerte di almeno tre ditte direttamente interpellate".

11.1.7. "soglie comunitarie"

11.1.7.1. serve specificare

11.1.7.2. scuola

11.1.7.2.1. articolo 34, comma 5, del regolamento di contabilità 1.02.2001 n. 44, nell'ambito dell'ordinaria procedura di contrattazione

11.1.7.3. presupposto

11.1.7.3.1. definizione di "appalto pubblico di bene o servizio"

11.1.7.3.2. elemento decisivo per determinare l'applicazione della norma UE

11.1.8. parere Consiglio di Stato

11.1.8.1. in generale

11.1.8.2. scuola

11.1.8.2.1. da segnalare il particolare regime vigente in tema di contratti aventi ad oggetto apparecchiature e prodotti informatici

11.1.9. principi

11.1.9.1. delle "finalità"

11.1.9.1.1. implicitamente desumibile dalla specifica prescrizione normativa dell'art. 36 legge contabilità generale dello Stato.

11.1.9.2. della "certezza"

11.1.9.2.1. art. 12 legge contabilità generale si riferisce agli elementi "oggetto", "tempi" e "prezzi".

11.1.9.3. della "invarianza"

11.1.9.3.1. corollario del principio della certezza. Desumibile da numerose norme generali (v. articoli 9, 11, 12, 15, 112, 119,120 legge contabilità generale dello Stato)

11.1.9.4. della "congruità" della spesa

11.1.9.4.1. anche in relazione ai nuovi parametri di legittimità dell'azione amministrativa (efficienza ed economicità)

11.1.9.4.2. costituisce generale canone di buona amministrazione

11.1.10. certificazione antimafia

11.1.11. contratto

11.1.11.1. stipulazione

11.1.11.1.1. art. 88 RCGS

11.1.11.1.2. Tutti i contratti devono essere redatti per iscritto a pena di nullità.

11.1.11.1.3. tre modi

11.1.11.1.4. scuola

11.1.11.2. approvazione

11.1.11.2.1. atto di controllo

11.1.11.2.2. funzione

11.1.11.2.3. normativa

11.1.11.3. controlli tecnici: collaudo

11.1.11.3.1. si sostanziano in verifiche

11.1.11.3.2. funzione

11.1.11.3.3. esiti del collaudo o riscontro tecnico

11.1.11.3.4. normativa

11.1.11.3.5. riferirsi alle discipline speciali dettate per ciascun settore della PA

11.1.11.3.6. responsabile del collaudo

11.1.11.4. esecuzione

11.1.11.4.1. normativa

11.1.11.5. forma

11.1.11.5.1. elementi costitutivi

11.1.12. sicurezza sul lavoro

11.1.12.1. tema importantissimo trattato con superficialità nel comparto scolastico

11.1.13. pubblicità

11.1.13.1. profili

11.1.13.1.1. riferita a strumenti o forme particolari di diffusione informativa degli atti

11.1.13.1.2. come "accesso alla documentazione" concernente l'attività contrattuale.

11.1.13.1.3. come applicazione della normativa sulla semplificazione della documentazione amministrativa.

11.1.14. controlli

11.1.14.1. interni

11.1.14.1.1. organi

11.1.14.1.2. normativa

11.1.14.2. esterni

11.1.14.2.1. organi

12. sistema dei controlli (decreto legislativo n. 286 del 1999)

12.1. di regolarità amministrativo contabile per i quali non sono invece previsti effettivi momenti di raccordo

12.1.1. art. 1 comma 2, lett. e) principio della separazione

12.1.1.1. è prevista "assoluta separazione" della funzione di controllo amministrativa e contabile dalle altre tre forme svolte in modo integrato

12.1.1.2. corollario

12.1.1.2.1. art. 1 comma 6

12.1.2. art. 2 comma 2

12.1.2.1. devono rispettare, in quanto applicabili alla pubblica amministrazione, "i princìpi generali della revisione aziendale asseverati dagli ordini e collegi professionali operanti nel settore".

12.1.3. art. 2, comma 3

12.1.3.1. precisa che il controllo di regolarità amministrativa e contabile non comprende verifiche da effettuarsi in via preventiva

12.1.3.1.1. se non nei casi espressamente previsti dalla legge

12.1.4. organi

12.1.4.1. organi di revisione (es. revisori dei conti),

12.1.4.1.1. verifiche di "legittimità", correttezza e regolarità delle attività

12.1.4.2. uffici di ragioneria

12.1.4.3. servizi ispettivi

12.2. "gestionali" o "di gestione in senso stretto" per i quali è previsto uno svolgimento "in modo integrato"

12.2.1. art. 1 comma 2 lettera d)

12.2.2. di gestione

12.2.2.1. svolto da apposite unità organizzative o uffici individuati da ciascuna amministrazione

12.2.3. valutazione dirigenza e controllo strategico

12.3. decreto legislativo n. 286 del 1999

12.4. di regolarità sulla "contrattazione integrativa"