SOFT Gruppi di progetto/lavoro

Get Started. It's Free
or sign up with your email address
Rocket clouds
SOFT Gruppi di progetto/lavoro by Mind Map: SOFT Gruppi di progetto/lavoro

1. Gruppo A

1.1. Cosa fa?

1.1.1. Cura i rapporti interistituzionali

1.1.2. Delinea il framework interistituzionale

1.1.3. Indica le linee generali del progetto

1.1.4. Pone attenzione alla congruenza generale del progetto

1.1.5. Controlla che gli equilibri e le competenze istituzionali siano rispettati

1.2. Da chi è composto?

1.2.1. Sovrintendente

1.2.1.1. Nicoletta Minnei

1.2.2. E/o delegato/a del Sovrintendente

1.2.2.1. Marino Gandelli

1.2.3. Direttore Istituto Pedagogico

1.2.3.1. Laura Portesi

1.2.4. E/o delegato del Direttore dell'Istituto Pedagogico

1.2.4.1. Valter Carbone

1.2.5. Direttore Conservatorio C. Monteverdi

1.2.5.1. Felix Resch

1.2.6. E/o delegato del direttore del Conservatorio

1.2.6.1. Angela Cattelan

1.2.7. Rappresentante Direttivo dell'Istituto Pedagogico

1.2.7.1. Renza Celli

1.2.8. Rappresentante dei Dirigenti scolastici

1.2.8.1. Marina De Gasperi

1.2.9. Rappresentante della LUB

1.2.9.1. Rita Franceschini

1.2.10. Coordinatore e responsabile di progetto

1.2.10.1. Alessandro Garavelli

1.3. Come opera?

1.3.1. Si riunisce periodicamente in presenza

2. Gruppo B

2.1. Cosa fa?

2.1.1. Analizza la documentazione ufficiale

2.1.2. Definisce i punti di Innovazione

2.1.3. Traccia il progetto operativo

2.1.4. Mappa le scelte delle scuole

2.1.5. Informa le scuole

2.1.6. Raccoglie la documentazione

2.2. Da chi è composto?

2.2.1. Esperti esterni

2.2.1.1. Giancarlo Cerini

2.2.1.2. Italo Fiorin

2.2.2. Personale Istituto pedagogico

2.2.2.1. Alessandro Garavelli

2.2.2.2. Valter Carbone

2.2.2.3. Luisanna Fiorini

2.2.2.4. Claudia Provenzano

2.2.2.5. Verena De Biasi

2.2.2.6. Maurizio Ganz

2.2.2.7. Elena Farruggia

2.2.2.8. Silvia Tasselli

2.2.2.9. Laura Portesi

2.2.3. Personale ispettivo dell'Intendenza Italiana

2.2.4. Ivan Eccli

2.3. Come opera?

2.3.1. In presenza

2.3.1.1. Si riunisce

2.3.1.1.1. Formalmente

2.3.1.1.2. Informalmente

2.3.1.1.3. Per formazione e autoformazione

2.3.1.2. Cura

2.3.1.2.1. I contatti con le scuole

2.3.1.3. Informa

2.3.1.3.1. I dirigenti

2.3.1.3.2. I collegi docenti

2.3.1.3.3. Gli staff di istituto

2.3.1.3.4. Il gruppo A

2.3.1.3.5. L'assessorato

2.3.1.4. Raccoglie

2.3.1.4.1. I contributi delle scuole

2.3.1.4.2. Le istanze delle scuole

2.3.1.4.3. Le esperienze delle scuole

2.3.1.4.4. Le esperienze dei laboratori provinciali

2.3.1.4.5. I pareri degli Stakeholders

2.3.2. Online

2.3.2.1. Documenta l'esistente

2.3.2.2. Crea materiale collaborativo

2.3.2.3. Negozia le azioni su mappe e documenti condivisi

2.3.2.4. Crea gli strumenti per l'interazione online

2.3.2.5. Predispone le proposte di lavoro con le scuole

3. Gruppo C

3.1. Cosa fa?

3.1.1. Opera in situazione didattica

3.1.2. Progetta le micro azioni

3.1.3. Documenta le attività

3.1.4. Crea learning circle

3.1.5. Riflette e discute sull'epistemologia disciplinare

3.1.6. Sperimenta l'efficacia e la fattibilità

3.1.7. Crea situazioni di formazione in modalità learning by doing

3.2. Da chi è composto?

3.2.1. Docenti esperti collaboratori

3.2.1.1. Mauro Sparapani

3.2.2. Personale Istituto pedagogico

3.2.2.1. Alessandro Garavelli

3.2.2.2. Valter Carbone

3.2.2.3. Luisanna Fiorini

3.2.2.4. Claudia Provenzano

3.2.2.5. Verena De Biasi

3.2.2.6. Maurizio Ganz

3.2.2.7. Elena Farruggia

3.2.2.8. Silvia Tasselli

3.2.2.9. Laura Portesi

3.2.3. Staff operativo delle scuole

3.2.3.1. Circa 60 docenti

3.2.4. Dirigenti delle scuole

3.2.5. Docenti delle scuole

3.2.6. Amici critici

3.2.7. Esperti dell'amministrazione dell'Intendenza italiana

3.3. Come opera?

3.3.1. Collabora

3.3.1.1. In progetti già avviati

3.3.1.2. In nuovi percorsi didattici

3.3.1.3. In sperimentazioni disciplinari

3.3.1.4. In sperimentazioni sui nodi dell'innovazione

3.3.2. Si riunisce

3.3.2.1. Formalmente

3.3.2.2. Informalmente

3.3.2.3. Per formazione e autoformazione

3.3.3. Documenta

3.3.3.1. Il processo

3.3.3.2. Le risultanze

3.3.4. Porge attenzione a

3.3.4.1. Rispondenza al framework generale

3.3.4.2. Rispetto della normativa

3.3.4.3. Trasparenza dell'azione

3.3.4.4. Informazione al territorio

3.3.4.5. Fattibilità delle sperimentazioni

3.3.4.6. Circolarità e condivisione