Educazione e rapporto insegnante- alunno nel tempo

Just an initial demo map, so that you don't start with an empty map list ...

Get Started. It's Free
or sign up with your email address
Rocket clouds
Educazione e rapporto insegnante- alunno nel tempo by Mind Map: Educazione e  rapporto insegnante- alunno  nel tempo

1. Cuore

1.1. Alunni affezionati ai maestri e maestri affezionati agli alunni

1.1.1. dispiacere nel passare a un' altra classe e perdere i maestri dell'anno precedente

1.1.2. alunni che tornano a trovare i maestri

1.1.3. il nuovo maestro ritiene la classe la sua famiglia visto che non gli è rimasto nessun altro

1.1.4. la maestra malata va a trovare Enrico

1.1.4.1. seppur malata si fa in quattro per i suoi scolari

1.2. maestri severi ma disposti a perdonare

1.3. i maestri insegano a vivere moralmente

1.4. le maestre sono per i bambini piccoli, i maestri per quelli più grandi

1.5. I maestri sono padri intellettuali di milioni di ragazzi, lavoratori mal riconosciuti e ricompensati che preparano un popolo migliore di quello del presente

2. Institutio oratoria

2.1. Primo libro: nozioni di pedagogia

2.2. il fanciullo ha sin dal principio molte figure che gli insegnano

2.2.1. maestro

2.2.1.1. o che siano veramente istruiti

2.2.1.2. o che siano consapevoli della loro ignoranza

2.2.1.2.1. chi non lo è rovina gli alunni

2.2.2. altre figure

2.2.2.1. nutrici

2.2.2.1.1. funzione del linguaggio

2.2.2.1.2. funzione della rettitudine morale

2.2.2.2. genitori

2.2.2.2.1. necessaria cultura

2.2.2.3. servi

2.2.2.4. compagni

2.3. L'istruzione deve essere iniziata da subito ad opera delle nutrici (primi tre anni)

2.3.1. si insegnino i precetti morali

2.3.2. si correggano da subito le abitudini errate

2.3.3. inizialmente si imparerà più lentamente, ma non si deve per questo sprecare tempo

2.3.4. Insegnare attraverso il gioco

2.4. metodi di insegnamento

2.4.1. non avere eccessivamente fretta

2.4.2. usare come esercizio di scrittura i precetti morali

2.4.3. sviluppare la memoria: unica qualità a cui può giovare il maestro in età infantile

2.5. a casa o a scuola?

2.5.1. a casa

2.5.1.1. si evita la corruzione degli altri

2.5.1.1.1. risposta: un oratore è anche un uomo retto, quindi non ci sarà corruzione negli altri

2.5.1.1.2. risposta: corruzione a casa e a scuola, dipende tutto dall'indole della persona e dall'educazione ricevuta

2.5.1.2. il maestro si dedicherà meglio a uno solo

2.5.1.2.1. risposta: lo studio richiede molto tempo in solitudine e dunque il tempo del maestro è poco. Durante la mattinata egli può distribuire il suo tempo tra i vari scolari

2.5.1.2.2. risposta: i maestri migliori vogliono un uditorio numeroso. Gli altri si attaccano a un singolo

2.5.1.2.3. risposta: molti concetti possono raggiungere più alunni insieme

2.5.1.2.4. risposta: il buon insegnante non curerà più alunni di quanto siano le sue possibilità. Nell'insegnare miri all'affetto

2.5.1.2.5. Risposta: curerà particolarmente lo studente che manifesta applicazione assidua e ingegno

2.5.2. a scuola

2.5.2.1. L'alunno si abitua a non aver paura degli altri uomini

2.5.2.2. si ricevono stimoli

2.5.2.3. si evita di gonfiarsi di vuota presunzione

2.5.2.4. l'ambizione suscita la virtù

2.5.2.5. il maestro non graverà troppo sugli ingegni ancora inesperti.

2.6. Caratteristiche dell'alunno

2.6.1. indizio di intelligenza: memoria. Apprendere facilmente e ricordare fedelmente

2.6.2. Il fanciullo dotato di ingegno sarà serio

2.6.3. L'alunno non deve correre avanti al maestro, ma seguirlo

2.7. Il maestro esaminerà come trattare ogni alunno

2.7.1. alcuni sono indolenti se non sorvegliati

2.7.2. alcuni odiano i comandi

2.7.3. alcuni sono bloccati dalla paura

2.7.4. alcuni sono da mettere a freno con la paura

2.7.5. alcuni si formano attraverso il lavoro continuo

2.7.6. alcuni si formano attraverso lo slancio passionale

2.8. alunno ideale

2.8.1. stimolato dalla lode

2.8.2. gli piaccia la gloria

2.8.3. pianga in caso di insuccesso

2.8.4. va cresciuto con l'amor proprio

2.8.5. il rimprovero lo punge

2.8.6. il senso dell'onore lo eccita

2.8.7. non è pigro

2.9. Lo studio non va imposto

2.9.1. studio= volontà di imparare

2.9.2. gioco= segno di vivacità

2.9.2.1. in esso si rivelano capacità e tendenze

2.9.3. picchiare è sbagliato

2.9.3.1. avvilisce l'animo

2.9.3.2. un intelletto insensibile al rimprovero è insensibile anche alle percosse

2.9.3.3. i ragazzi sarebbero così abituati non a essere obbligati a far ciò che è giusto ma ad esser puniti per non averlo fatto

3. Teacher Man