MOVIMENTI MIGRATORI OTTOCENTO E NOVECENTO

Get Started. It's Free
or sign up with your email address
Rocket clouds
MOVIMENTI MIGRATORI OTTOCENTO E NOVECENTO by Mind Map: MOVIMENTI MIGRATORI OTTOCENTO E NOVECENTO

1. Il termine 'movimenti migratori' - o 'migrazioni' - indica uno spostamento individuale o collettivo da un luogo d'origine (emigrazione) a un luogo di destinazione (immigrazione). Considerando solo la migrazione umana, e intendendo gli spostamenti come spostamenti territoriali, questo concetto assai ampio di migrazione fa riferimento a qualsiasi cambiamento dello 'spazio di vita', inteso come porzione dello spazio, nelle sue varie articolazioni, in cui l'individuo esplica tutte le sue attività (v. Courgeau, 1980, p. 14).

1.1. Download our native mobile apps for iOS and Android to mind map on the go!

2. http://cartographie.sciences-po.fr/sites/default/files/maps/009_Migration_transatlantique_fin_XIX_it-01.jpg

2.1. To view the most important shortcuts, click on the question mark in the bottom right corner of your map editor, then click "Key Shortcuts"

3. ITALIA

3.1. XIX SECOLO: Il fenomeno ha riguardato dapprima il Settentrione (Piemonte, Veneto e Friuli in particolare)

3.2. dopo il 1880, anche il Mezzogiorno

3.3. dai porti del Mediterraneo partirono molte navi con migliaia di italiani diretti nelle Americhe in cerca di un futuro migliore

3.3.1. ELLIS ISLAND

3.4. La simbolica data d'inizio dell'emigrazione italiana nelle Americhe può essere considerata il 4 ottobre 1852, quando venne fondata a Genova la Compagnia Transatlantica per la navigazione a vapore con le Americhe, il cui principale azionista era Vittorio Emanuele II.

3.5. Si trattò di un esodo che toccò tutte le regioni italiane. Tra il 1876 e il 1900 l'esodo interessò prevalentemente le regioni settentrionali con tre regioni che fornirono da sole il 47 per cento dell'intero contingente migratorio: il Veneto (17,9), il Friuli Venezia Giulia (16,1 per cento) e il Piemonte (12,5 per cento. Nei due decenni successivi il primato migratorio passò alle regioni meridionali. Con quasi tre milioni di persone emigrate soltanto da Calabria, Campania e Sicilia, e quasi nove milioni da tutta Italia.

3.6. Gli italiani sono sempre al primo posto tra le popolazioni migranti comunitarie (1.185.700 di cui 563.000 in Germania, 252.800 in Francia e 216.000 in Belgio) seguiti da portoghesi, spagnoli e greci. Gli italiani all'estero secondo le stime del Ministero per gli Affari Esteri erano nel 1986 5.115.747, di cui il 43 per cento nelle Americhe e il 42,9 in Europa. L'entità delle collettività di origine italiana ammonta invece a decine di milioni, comprendendo i discendenti degli immigrati nei vari paesi. Al primo posto troviamo l'Argentina con 15 milioni di persone, gli Stati Uniti con 12 milioni, il Brasile con 8 milioni, il Canada con un milione e l'Australia con 540.000 persone.

3.7. N.B. L'emigrazione europea della seconda metà del XX secolo, invece, aveva come destinazione soprattutto stati europei in crescita come Francia (a partire dagli anni 1850), Svizzera, Belgio (a partire dagli anni 1940) e Germania ed era considerata da molti, al momento della partenza, come un'emigrazione temporanea - spesso solo di alcuni mesi - nella quale lavorare e guadagnare per costruire, poi, un migliore futuro in Italia. Questo fenomeno si verificò però soprattutto a partire dagli anni 1970, periodo in cui molti italiani rimpatriarono.

3.8. Memoria e Migrazioni. A partire dal 18 novembre 2011 il terzo piano del Museo racconta l'emigrazione italiana via mare e l'immigrazione straniera. Dopo la mostra "La Merica!" inaugurata nel 2008 e dedicata ai viaggi dell'emigrazione italiana negli Stati Uniti, il Galata prosegue il grande viaggio presentando un' esposizione permanente e dinamica che racconta in 1200 metri quadrati ed oltre 40 postazioni multimediali, molte delle quali interattive, come le migrazioni segnino la società italiana. L'allestimento attraverso ricostruzioni ambientali ricorda le destinazioni molto diverse degli italiani: quelle urbane, come la Boca, il coloratissimo quartiere di Buenos Aires ma anche quelle rurali, a volte perse nella foresta, come in Brasile, per terminare in quella più nota, Ellis Island. L'ultima sezione, per la prima volta in una sede culturale istituzionale permanente, è dedicata all' immigrazione in Italia.

3.8.1. INTERVISTA AL CURATORE PIERANGELO CAMPODONICO

3.8.2. Lo scopo di questo ‘viaggio’ che inizia proprio dalla stazione Principe, punto di raccolta dei migranti è quello di far vivere al visitatore il percorso migratorio di 29 milioni di italiani dalla fine del 1800 ai primi del 1900.

3.8.2.1. Simply hold down COMMAND i.e. CTRL and Click & Drag to create a slide for one or multiple topics

3.8.2.2. Set transitions for your slides

3.8.2.3. Click "Start Slideshow" to view your presentation

3.8.3. "GALATA" MUSEO DEL MARE

3.8.3.1. You can share your map with anyone via email

3.8.3.2. You can publish your map and enable anyone with an internet access to find it

3.8.3.3. You can embed your map on a blog or website

4. https://cognomemuratore.wordpress.com/3-storia/flussi-migratori-delle-famiglie-dei-muratore/