Get Started. It's Free
or sign up with your email address
Rocket clouds
ETA' TARDOANTICA by Mind Map: ETA'  TARDOANTICA

1. OTTAVIANO

1.1. MISE OPERE DI RIFORME E DI PACIFICAZIONE,BASATA SUL CONSENSO

1.2. CREO' UN POTERE PERSONALE ASSOLUTO, AGENDO ALL'INTERNO DELLE ISTRUZIONI ESISTENTI.

1.3. SI ERA FREGIATO DEL TITOLO PRINCEPS SENATUS

1.4. IL SENATO LO DICHIARO' AUGUSTUS

1.5. FECE UNA SORTA DI FESTA IN SUO NOME IN CUI REGALAVA IL PANE

1.6. SI FECE AIUTARE DA MECENATE E IL SUO CIRCOLO DI INTELLETTUALI A FAR MIGLIORARE LA SUA FIGURA

1.7. Il principato instaurato nel 27 a.C. da Augusto segnò il passaggio dalla forma repubblicana a quella autocratica dell'Impero: senza abolire formalmente le istituzioni repubblicane, il principe (in latino princeps) assumeva la guida dello stato e ne costituiva il perno politico.

1.8. LA DINASTIA

1.8.1. Dopo la morte e l'ascesa di Tiberio, figlio adottivo di Ottaviano, si consolida la dinastia Iulio-Claudia

1.8.2. Dopo Tiberio il successore fu Caligola(figlio legitimo)

1.8.3. Il successore di Caligola fu Claudio(zio di Caligolaz)

1.8.4. Il successore di Claudio fu Nerone(figlio adottivo) e la fine della dinastia Iulio-Claudia e l'inizio di una guerra tra 3 possibili imperatori

1.8.4.1. Otone

1.8.4.1.1. Candidato dei Pretoriani

1.8.4.2. Aulo Vitello

1.8.4.2.1. ucciso presso Cremona, ed era il candidato delle truppe del Reno

1.8.4.3. Flavio Vespasiano

1.8.4.3.1. candidato delle legioni d'Oriente

2. I Flavi

2.1. Flavio Vespasiano

2.1.1. Assunse il potere(69-79 d.C)

2.1.2. fece approvare dal senato la legge del comando di Vespasiano, dove ottenne il potere di monarca assoluto

2.1.3. conquista il Reno e il Danubio, domo una rivolta in Gallia

2.1.4. il figlio dell'imperatore Tito pose fine alla rivolta in Galilea

2.2. Tito

2.2.1. successe Flavio (79-81 d.C)

2.2.2. inseguito alla impressa in Galilea venne innalzato a Roma l'arco di Tito

2.2.3. Fu un imperatore amato dai ceti popolari di Roma

2.2.4. Concluse la costruzione del anfiteatro Flavio(Colosseo)

2.2.5. Il Vesuvio seppelì la città di Pompei e Ercolano

2.2.6. Tito mori nel 81 d.C e gli successe il secondo erede suo fratello Domiziano designato dal padre

2.3. Domiziano

2.3.1. Fu autore di un potere assoluto

2.3.2. Aumentò il potere del consiglio del Principe

2.3.3. Perseguito ai Cristiani ed Ebrei

2.3.4. Fece dare rilievo alla attività militare e politica estera

2.3.5. Ampliò i possedimenti Romani in Bretagna

2.3.6. Subbì una sconfitta in Dacia

2.3.7. Nel 96 d.C Domiziano morì pugnalato, i suoi atti furono annullati dal Senato

3. Imperatori Adottivi

3.1. Dopo la morte del Tirano Domiziano gli imperatori del 2° secolo furono provinciali, nessuno ebbe discendenti diretti(ogni imperatore designava un predecessore)

3.2. Marco Nerva

3.2.1. nominato dal senato(96 d.C) fu un imperatore di transizione

3.2.2. Si distinse per la giustizia ed equilibrio

3.3. Traino

3.3.1. Origine Spagnole, comandante delle Legioni del Reno, nel 98 d.C divenne primo imperatore Romano non Italico

3.3.2. Il senato gli conferì il titolo di OPTIMUM(il migliore)

3.3.3. Mantenne ottimi rapporti col senato e non cedette al dispotismo

3.3.4. Acquistò nuovi territori e raggiunse la massima espansione dell'Impero Romano

3.4. Adriano

3.4.1. Governatore di Siria d'Origine Spagnole

3.4.2. Per la prima volta Roma rinunciò alla politica d'espansione e si concentrò sulla difesa delle frontiere

3.4.3. Concluse la pace con i Parti verso la fine del regno di Adriano scoppiò una Rivolta in Palestina, il tempio di Gerusalemme fu distrutto, Adriano proibì agli ebrei di risiedere in Palestina e cosi iniziò la dispersione ebraica nel mondo

3.5. Antonino Pio

3.5.1. Salì al potere nell'anno 138 d.C(161 d.C), era un uomo di esemplare saggezza, il senato lo proclamò ufficialmente Pio per i suoi valori morali

3.5.2. Si svilupparono sotto il suo potere le azioni mediatrici e diplomatiche di Roma

3.5.3. Il suo regno fu un periodo di pace e tranquillità

3.5.4. Stimolò la istituzione pubblica e creò un fondo per l'educazione per le ragazze povere

3.6. Marco Aurelio

3.6.1. Era un uomo coltissimo e sensibile, appena eletto associò a sè il fratello, per la prima volta un impero viene eletto da una diarchia

3.6.2. Il suo regno fu caratteristico da continue lotte con i popoli confinati

3.6.3. Il generale Avidio Cassio gli costrinse a rinunciare alle pretese sul Armenia e a cedere parte della Mesopotamia

3.6.4. Entro in Germania e riprese i Quadi e i Marcomanni, ebbe così inizio all'ammissione di contingenti barbarici nelle file del esercito Romano

3.6.5. Gli successe il figlio e dopo la sua morte venne eretta la Colonna Aureliana

4. I Severi

4.1. Settimo Severo

4.1.1. Punto a militarizz0are l'amministrazione dell'Impero e fondare una vera e propria monarchia ereditaria di tipo militare

4.1.2. In politica estera ottenne successi militari, riuscì a sconfiggere i Parti e si recò in Bretagna

4.1.3. Fece una raccomandazione ai figli: -Pagate bene i soldati -Non interessatevi del resto

5. La Crisi del 3° Secolo

5.1. Con Alessandro alla fine della dinastia dei Severi, sale al trono il generale Massimo il Trace

5.2. Massimo 1° principe d'origine Barbarica umilia il senato e impone pesanti tasse per mantenere gli eserciti

5.3. dopo di lui si apre una anarchia militare che durò 50 anni e vede alternarsi 21 imperatori, nel 284 si impone Diocleziano che riorganizza l'Impero

5.4. La crisi politica e sociale induce a una restaurazione delle tradizioni religiosa Romana

5.5. Gli imperatori Decio, Valerio e Diocleziano impongono la conversione per impadronirsi dei beni della comunità

5.6. L'epoca di persecuzioni finisce con Costantino(Eddito di Milano), riconosce i cristiani la libertà di culto, con Teodosio(Eddito di Costantinopoli) invece il cristianesimo diventa la religione del'Impero

5.7. Diocleziano realizza una riforma istituzionale, vengono attribuiti poteri assoluti e l'Impero è diviso in quattro regioni: -2 Augusti(avevano il potere assoluto) -2 Cesari(avevano una certa quantità di potere limitato)

6. Regni Romano-Barbarici

6.1. I popoli germanici che nel 5° secolo mirano verso ovest penetrano facilmente le difese dell'Impero in declino e occupano territorio in cui, progressivamente costituiscono regni romano-barbarici.

6.1.1. Visigoti si insediano in Italia

6.1.2. Allamani e Burgundi, Franchi occupano la Gallia

6.1.3. Vandali si impadroniscono dall'Africa settentrionale

6.1.4. Angli e i Sassoni si stabiliscono in Britannia

6.1.5. Ostrogoti e i Longobardi occupano l'Italia

7. La Curtis

7.1. Era divisa in due parti

7.1.1. Pars Dominica

7.1.1.1. Il terreno usato dal signore

7.1.2. Pars Massaricia

7.1.2.1. Divisa in Mansi ovvero dei piccoli lotti di terra

7.1.2.2. I Mansi si davano in cambio: -affitto in denaro -affitto in natura -Corvèe che erano delle giornate lavorative nella pars dominica gratuite

7.2. Aspetto Sociale

7.2.1. Contadini liberi

7.2.1.1. Si pongono sotto la protezione del Signore e pagano direttamente al sovrano

7.2.2. Servi cassati / Gleba

7.2.2.1. Erano i servi legati alla terra e avevano un rapporto di semi liberta

7.2.3. Servi prebendari / schiavi domestici

7.2.3.1. Fanno parte dei beni del Padrone costui non aveva diritto di morte su di loro

8. Prime Relazione con la Religione Cristiana

8.1. Dioclesiano

8.1.1. Onorava la religione Cristiana e fu uno dei primi Imperatori con cui la religione Cristiana ebbe un contatto

8.2. Costantino

8.2.1. Alla sua salita come Imperatore Costantino dovette combattere, prima della battaglia fece un sogno nel quale gli veniva detto che se usava il simbolo della croce avrebbe vinto, questo croce era la croce cristiana.

8.2.2. Con l'edito di Milano dichiarò la religione Cristiana come religione di libero Culto

8.3. Teodosio

8.3.1. Con l'edito di Costantinopoli dichiarò la religione Cristiana come unica religione dell'Impero Romano

9. Il Monachesimo

9.1. Consisteva nel ritrovare la vera fede in Dio

9.2. Le persone che prendevano questo cammino dovevano separarsi da tutti i beni fisici e ritrovare la vera fede

10. Invasioni Longobardi-Franchi

10.1. Longobardi

10.1.1. Origini Germanica

10.1.2. Si erano stanziati in Paniona all'inizio del 3° sec, divenendo federati dell'Impero di Oriente

10.1.3. L'Impero fu penetrato dal popolo dei longobardi nel 568, guidato da Alboino, penetrarono nella pianura Padana e si impadronirono di tutta l'Italia settentrionale, dalla Toscana e i territori di Spoleto e Benevento

10.2. Franchi

10.2.1. I Franchi avevano occupato la Gallia e i territori all'est del fiume Reno, si estenderono lungo le rive del Reno sul confine tra Francia e Germania

10.2.2. Erano un Gruppo di tribù Germaniche si divisero in Franchi del nord(Salii) e Franchi del Sud(Ripuari)

10.2.3. Il loro primo Re fu Clodione, il suo successore fu Meroveo, che alla sua morte successe Childerico

10.2.4. L'invasione dell'Italia fu per un patto con il Papa nel quale il papa nominava Re il re franco() e i franchi come scambio dovevano liberare l'Italia dai Longobardi

11. Crollo dell'Impero Romano

11.1. Inizio con il saccheggio dei Visigoti i quali entrarono a Roma senza complicazioni

11.1.1. In questo saccheggio furono risparmiati le chiese perché Alarico era cristiano

11.1.2. Inoltre fu presa prigioniera Gallia Placida

11.1.2.1. I Visigoti dopo un periodo lasciarono Gallia Placida con un accordo con l'Impero Romano d'oriente

11.1.2.2. Nel patto i Visigoti ottennero un territorio nell'attuale Aquitania

11.2. Continuo con Gli Unni che prima si erano spinti verso la Germania e dopo attraversarono il Reno

11.2.1. Erano guidati d'Attila