Online Mind Mapping and Brainstorming

Create your own awesome maps

Online Mind Mapping and Brainstorming

Even on the go

with our free apps for iPhone, iPad and Android

Get Started

Already have an account? Log In

"DOPO LA CRISI: cosa cambia nel lavoro, nell'economia, nella società"( 01/10/2010 ) by Mind Map: "DOPO LA CRISI: cosa cambia nel lavoro, nell'economia, nella società"( 01/10/2010 )
0.0 stars - reviews range from 0 to 5

"DOPO LA CRISI: cosa cambia nel lavoro, nell'economia, nella società"( 01/10/2010 )

02 Paolo Feltrin, Politologo: Scenari

http://www.tolomeoricerche.it/contatti.html

Materiale prepatatorio per il convegno. Allegata presentazione PPT.

01 Progetto O.L.A progetto orientamento lavoro.

Apertura: Boito, Presidente CERTOTTICA: introduzione

03 Andrea Cecchella, Giornalista VEDI I LINK A FIANCO

Un post consigliato ad Andrea come a tutti:  http://www.masternewmedia.org/it/2010/09/27/realtime_news_curation_la_guida_completa/13/index.htm

Che tempi?

La politica?

04 Antonio Prade, Sindaco

L'Italia va meno peggio ma è vero o no che è il paese dove è più difficile fare impresa? Il problema è il recupero dell'economia reale. Dobbiamo passare dalla cultura del sospetto alla cultura della fiducia. Con la SCIA il comune tifa per te! Scuola pubblica e scuola privata...

05 Sergio Reolon

La politica dovrebbe essere sopra il mercato. La classe politica è inadeguata.

Uno dei più grandi problemi è il sommerso, ma è naturale che sia cosi perché è l'unico modo di salvarsi dalla burocrazia!

06 Angelo Paganin (Comune di Belluno)

Grazie per il pensiero positivo! Confermo che dovremmo anche noi maturi andare all'estero.

09 Chiusura: 25 ottobre, Convegno con responsabili Innovazione e Formazione di Regione Veneto. Novembre 2010 intervento dell'amministratore delegato di Luxottica sulle criticità di un gruppo delle dimensioni di Luxottica in una provincia piccola come la nostra.

07 Gli interventi della Sig.ra Orsini di CISL , e dell'Onorevole Franco Gidoni non sono appuntati, per un blackout dell'iPhone. (La tecnologia c'e' e deve funzionare, parole di Feltrin...)

On. Franco Gidoni http://www.francogidoni.it/ Sig.ra Anna Orsini http://www.cislveneto.it/2010/intervista-a-anna-orsini-segretario-generale-ust-belluno/

08 Considerazioni: Senza dubbio è stata un' iniziativa di valore, assistere ad un intervento di Feltrin per il suo stile e la concretezza è una preziosa opportunità. Purtroppo l'inevitabile spazio occupato dai molti Amministratori e Politici intervenuti hanno reso difficile se non impossibile il coinvolgimento del pubblico, non abituato alle platee e comprensibilmente timido, nel dibattito finale.

00 Ogni collegamento affiancato ai nomi dei Partecipanti è trovato successivamente, non è riferito dal Partecipante. Sono post (messaggi dei blog) in tema all' argomento dell'appunto o alla funzione svolta dal Partecipante.

COMMENTI AL VOLO:

2010 10 03 [10:11:08] L.R.: L'idea della mappa è geniale, però credo sia quasi inutilizzabile da un osservatore esterno che non abbia partecipato allo stesso incontro. è indubbiamente utilissima una volta spiegata dall'autore della mappa stessa. in conclusione, vedo due preziose applicazioni di questo strumento: [10:11:10] L.R.: 1- "canovaccio" per prendere appunti e grazie al quale è poi possibilei ricostruire un intervento per renderlo fruibile ad altri [10:12:48] L.R.: 2- "scheletro" di un intervento, per organizzare una presentazione o un intervento (proiettabile magari come slide) e poi distribuibile ai partecipanti, una volta spiegato e ampliato. si tratta cioè di uno schema da usare come supporto ad un discorso per il relatore, e come pro-memoria per il pubblico [10:14:25] L.R.: Onestamente così com'è permette di avere una vaga idea degli argomenti trattati ma non di capire fino in fondo ciò che è stato detto e come è stato detto [10:15:07] L.R.: spero le osservazioni ti siano utili, ciao -- [22:53:40] C.S.: ho visto la mappa ma non ho tanto capito i discorsi, come tutti gli appunti di questo mondo...comunque [22:55:20]  C.S.: è una prerogativa degli appunti veloci, a quello servono, a farsi rileggere da chi li ha scritti...