Umanesimo e rinascimento (1500-1600)

Get Started. It's Free
or sign up with your email address
Rocket clouds
Umanesimo e rinascimento (1500-1600) by Mind Map: Umanesimo e rinascimento (1500-1600)

1. nuovo assetto geopolitico

1.1. europa: grandi monarchie nazionali (francia e Spagna, iniziano sanguinose guerre che si concluderanno con la pace di Cateau-Cambresis-1559)

1.2. italia: suddivisa in stati regionali che impediscono il processo di unificazione. in un clima di alta instabilità l'italia diventa meta ambita per le espansioni delle grandi monarchie nazionali

2. civiltà urbana & economia aperta

2.1. la figura della borghesia incarna questo ideale. nella seconda metà del cinquecento subiscono una battuta di arresto, dovuta allo spostamento del commercio dal mediterraneo all'atlantico

3. rapporto con il medioevo

3.1. passaggio dall'universalismo al particolarismo

3.2. comuni sono legati a una mentalità religioso-feudale, si ha una separazione tra il piano pratico della vita e il piano dei convincimenti filosofici teorici ed etici; alcuni uomini vivono in una FILOSOFIA DEL LIMBO come viene definita da LUIGI RUSSO che si trova nel mezzo delle credenze medievale e il nuovo pensiero moderno. l'umanesimo rinascimentale rappresenta un esplicita elaborazione di una cultura nuova, che riflette le nuove esigenze a livello teorico difronte alla vita e al mondo; si ha una visione globale dell'uomo

3.3. si passa dall'attività delle scholae alle accademie

3.4. vi è una valorizzazione di tutte le materie che non sono più funzionali alla teologia, viene a meno il sistema gerarchico della cultura

3.5. filosofi Medioevali: assorbono il pensiero classico nel proprio pensiero

3.6. filosofi umanisti: il passato deve emergere con la giusta distanza, costudito nella sua origine

3.6.1. prospettiva storica

3.6.2. filologia

4. la chiesa perde il suo predominio rispetto la cultura

4.1. l'organizzazione passa ai laici, alla borghesia cittadina

4.2. si diffonde il mecenatismo

4.2.1. professionisti di penna di varia estrazione sociale

5. principio progressista

5.1. l'uso del latino va intesa come una ricerca nel passato per cogliere miglioramenti nel presente e NON come un pensiero conservatore

5.1.1. latino =idioma internazionale delle persone colte

5.1.2. distacco dal latino dell'età di mezzo per rivivere un elegante latino classico

6. divulgazione

6.1. attraverso la stampa

7. rinascimento = seconda nascita

7.1. rinnovamento globale dell'uomo nei suoi rapporti con se stesso, gli altri e dio

7.2. ritorno al principio

7.2.1. principio= ciò che garantisce la riforma dell'uomo e del suo mondo,restituendoli alla loro dimentione ottimale

7.2.1.1. ritorno alla natura, vista come forza che vivifica le cose

7.2.1.2. ritorno a DIO

7.2.1.3. ritorno ai classici

8. filosofia

8.1. Kristeller

8.1.1. gli umanisti sarebbero filologi ma non filosofi, perchè avrebbero saltato le teorie speculative saltando alla complesse elaborazioni dottrinali del medioevo.

8.2. Garin

8.2.1. la filosofia umanista ha preso in considerazione i problemi antropologici, e per questo potrebbe essere considerata una nuova filosofia (il ricercare l'origine all'interno dei testi, sarebbe il nuovo modo di ricercare la verità, un nuovo modo di rapportarsi al mondo)

8.3. "humane litterae"

8.3.1. vi è un passaggio dall'umanesimo letterario a un umanesimo filosofico, fondato su una duplice convinzione che gli antichi abbiano incarnato al massimo i valori dell'esistenza e che gli studi classici rappresentino uno strumento essenziale per educare l'uomo, conferendogli il possesso delle sue capacità autentiche

8.3.2. riprendere da dove gli antichi avevano smesso, per riportare l'uomo all'altezza della sua vera natura

9. concetto

9.1. Kornard Burdach

9.1.1. Umanesimo

9.1.1.1. momento che precede il

9.1.1.1.1. rinascimento

9.1.2. in quest'ottica il concetto storiografico di rinascimento deve essere spostato, e finisce per denotare l'interra civiltà culturale del 400 e del 500

9.1.3. teoria della continuità

9.1.3.1. insiste tra i nessi tra medioevo e rinascimento

9.2. jacob Burchardt

9.2.1. umanesimo

9.2.1.1. momento filosofico letterario, basato su studi umanistici

9.2.2. rinascimento

9.2.2.1. momento filosofico-scientifico, basato su una più ampia consapevolezza intellettuale e su un nuovo modo di considerare la natura, l'uomo e Dio

9.2.3. visione classica del rapporto tra medioevo e rinascimento

9.2.3.1. medioevo

9.2.3.1.1. trascendentalista

9.2.3.1.2. teocentrico

9.2.3.1.3. universalista

9.2.3.2. rinascimento

9.2.3.2.1. immanentista

9.2.3.2.2. antropocentrico

9.2.3.2.3. individualista

10. dottrine

10.1. uomo

10.1.1. homo faber ipsius fortunae

10.1.1.1. de hominis dignitate (pico della mirandola)

10.1.2. uomo plasmatore come immagine di Dio-creatore

10.1.3. l'uomo è la sintesi del vivente del tutto e il centro del mondo

10.1.4. NEGOTIUM>OTIUM

10.1.4.1. Coluccio salutati

10.1.4.1.1. "lascio volentieri, senza invidia e senza contrasto,a te e a chi alza al cielo la pura speculazione tutte le altre verità, purchè tu mi lasci la cognizione delle cose umane [...] che io possa essere utile agli amici..."

10.1.4.2. eudaimonia come realizzazione armonica delle possibilità umane e riconoscimento del valore del denaro

10.2. storia

10.2.1. prospettiva storica

10.2.1.1. alterità e individualità del passato

10.2.1.2. ricerca per determinare l'individualità

10.2.1.3. conoscenza dell'originalità

10.2.1.4. filologia

10.2.1.5. restaurazione storica

10.2.1.5.1. falsi storici

10.2.1.5.2. riportare alla luce la lingua originaria

10.2.1.5.3. comprendere le figure dei letterati e dei filosofi in riferimento al loro mondo di appartenenza

10.2.2. idea di continuità di uno sviluppo umano

10.2.2.1. veritas filia temporis

10.3. natura

10.3.1. uomo = essere naturale

10.3.2. la natura è costiruita da un insieme di forze che governano il mondoin cui si incarna la potenza di dio

10.3.3. l'uomo ha sia la capacità sia l'interesse di studiare la ntura

11. sapere

11.1. passaggi da

11.1.1. universalismo medioevale a particolarismo rinascimentale

11.1.1.1. dal sapere gerarchico medievale, si ha una laicizzazione del

12. garin

12.1. "originalità nella continuità"

12.1.1. conciliazione delle teorie di Burchardt e Burdach

12.1.1.1. = tipicità del rinascimento ma in continuità con il medioevo

13. sapere è potere

13.1. magia

13.1.1. animazione della natura

13.1.2. dominare le forze della natura con incantesimi

13.2. filosofia della natura

13.2.1. interpreta la natura con la natura