AZIONAMENTO DI MACCHINA ASINCRONA

AZIONAMENTO DI MACCHINA ASINCRONA

Iniziamo. È gratuito!
o registrati con il tuo indirizzo email
Rocket clouds
AZIONAMENTO DI MACCHINA ASINCRONA da Mind Map: AZIONAMENTO DI MACCHINA ASINCRONA

1. INVERTER

1.1. CONTROLLO AC-DC-AC

2. AVVIAMENTO DIRETTO NON CONTROLLATO

3. AVVIAMENTO STELLA TRIANGOLO statore e rotore avvolti

3.1. A STELLA LA CORRENTE ASSORBITA E LA COPPIA SARANNO INFERIORE. IL COLLEGAMENTO A STELLA AVVIENE CON LA RETE A 230V. VALRI PARI AL 33%

3.2. Sela corrente di avviamento del motore è su-periore a quanto consentito dalla rete sipuò ricorrere all’avviamento Y/ ∆

4. IN CASO DI ROTORE AVVOLTO SI POSSONO APPLICARE DELLE RESISTENZE ROTORICHE E CONTROLLARE LA VELOCITA', SOPRATTUTTO QUELLA DI AVVIAMENTO

5. CON AUTOTRASFORMATORE

5.1. SI FRONISCE TENSIONE RIDOTTA, SI HA IL VANTAGGIO DI POTER SCEGLIERE LA CONDIZIONE MIGLIORE AL CASO

6. softstar

6.1. SI FORNISCE SEMPRE TENSIONE RIDOTTA

6.1.1. È il sistema di avviamento più moderno e performante. È basato sulla tecnologia dei tiristori di potenza. Permette avviamenti dolci e graduali attraverso la parzializzazione della tensione realizzata dai tiristori, comandati da un microprocessore (figura 6). Il softstart è composto da 2 tiristori in antiparallelo per fase. Durante l’avviamento l’unità di comando a microprocessore regola la tensione ai morsetti del motore in modo che aumenti gradualmente fino al suo valore nominale. Il softstarter permette in particolare di: evitare brusche accelerazioni, durante l’avviamento, limitando quindi gli stress meccanici al motore e alla macchina; ridurre le correnti di avviamento; ottimizzare l’avviamento per meglio adattarlo alle specificità del caso. Infatti, i parametri di avviamento (tensione di alimentazione V e tempo di avviamento o di accelerazione Ta) sono liberamente selezionabili.

7. AVVIAMENTO CON RESISTENZE STATORICHE

8. AVVIAMENTO STELLA TRIANGOLO GABBIA SCOIATTOLO

8.1. si puoì avviare a velocita' diverse nel rapporto 2-1 perche nel rotore non ci sono poli da modificare

8.2. Uno degli schemi più usati è quello Dahlander nel quale ciascuna fase si compone di due bobine distinte che possono essere collegate in serie (bassa velocità) od in parallelo (alta velocità)

8.3. Uno degli schemi più usati è quello Dahlander nel quale ciascuna fase si compone di due bobine distinte che possono essere collegate in serie (bassa velocità) od in parallelo (alta velocità)