LOOKING FOR MYRIAM

Iniziamo. È gratuito!
o registrati con il tuo indirizzo email
Rocket clouds
LOOKING FOR MYRIAM da Mind Map: LOOKING FOR MYRIAM

1. Nicole Vedres

1.1. Pubblicò due antologie illuatrate: una sulla moda (Un Siecle d'elegance francaise 1943) e una sul cinema (Images du cinema francais 1944)

2. Myriam Borsoutsky

2.1. Una delle figure più misteriose (rimase spesso dietro le quinte dei grandi registi con cui collaborò) più importanti nella storia del Film Compilation.

2.2. Lavorò con Guitry nel montaggio,

2.3. Collaborò con Braunberger (cinque dei suoi film la vedono responsabile)

2.4. Film "Bullfight" 1951

2.4.1. Progetto di ritrarre la cultura della storia della tauromachia dalla classica mitologia fino al ruolo della corrida in Spagna.

2.4.2. Idea sviluppata con Braunberger

2.4.3. Omagio alla figura di Conchita Cintron - una delle più famose torere della storia della corrida

2.4.4. estrema bravura nella tecnica del montaggio.

2.4.4.1. saggio di Bazin "Morte ogni pomeriggio"

2.4.4.1.1. omaggio allo stile di montaggio peofondamente suggestivo di Myriam.

2.4.4.1.2. coniò il termine "neomontaggio" per descriverlo.

2.4.4.1.3. la novità sta nel suo modo di includere simboli e connessioni astratte attraverso le immagini... "con lo scopo di soddisfare sia la verosimiglianza fisica del decoupage che la sua malleabilità logica."

3. Found Footage In Francia, le donne ebbero un ruolo fondamentale.

4. PARIS 1900

4.1. 1947 - collaborazione con Myriam, Nicole Vedres

4.2. lavoro che offre uno sguardo completo sulla Belle Epoque.

4.3. Innovazione del film - Vedres mischia elementi finzionali al materiale documentario.

4.4. Pienamente catturata nel film la critica di Benjamin a Bergson e Proust sul concetto di memoria involontaria come esperienza individuale (in contrapposizione all'esperienza collettiva).

4.5. 1947 - collaborazione con Myriam, Nicole Vedres

5. Myriam = funzione anche di nome collettivo, rivelare le condizioni che hanno prodotto un particolare momento di sperimentazione collettiva sul potenziale del montaggio e sull'immagine cinematografica come forma specifica della memoria.