Storia dell'arte

Iniziamo. È gratuito!
o registrati con il tuo indirizzo email
Rocket clouds
Storia dell'arte da Mind Map: Storia dell'arte

1. Le colonne Minoiche-Micenee

1.1. non possono essere considerate Ordini perchè

1.1.1. non rispettavano le proporzioni

1.1.2. erano rastremati verso il basso

1.2. gli Ordini invece;

1.2.1. rispettavano rigorosamente le pèroporzioni che si credevano portassero all'armonia

1.2.2. e erano rastremati verso l'alto

1.2.2.1. perchè gli artisti prendevano come riferimento l'albero quindi si parla di Mimesi ovvero, quando si prende a modello la natura e si coglie la forma geometrica che si cela dietro e perfezionarla e sublimarla

2. a differenza dell'Ordine Dorico era continuo; ovvero aveva decorazioni continue

3. Civilta' Preelleniche

3.1. Sono le civilta' che nascono nel Peloponneso nel XII secolo, prima della civilta' Greca vera e propria.

3.2. Sono quella:

3.2.1. Cicladica

3.2.1.1. Inizia nel 2000 a.c., ed e' chiamata cosi' perche' era nell'arcipelago delle Kiklades.

3.2.2. Minoica

3.2.2.1. La citta' principale e' Creta, perche' e' quella conservata meglio, inoltre era chiamata cosi' per il re Minosse.

3.2.3. Micenea

3.2.3.1. Il nome deriva dalla citta' di Micene che e' quella conservata meglio.

4. Queste civilta' influenzano enormemente la civilta' Greca, specialmente nell'architettura:

4.1. Sistema Architravato

4.1.1. E' il sistema piu' Arcaico (si trova in epoca Neolitica)

4.1.2. E' composto da:

4.1.2.1. - Pedritti che sono elementi verticali di sostegno fprmati da Monoliti

4.1.2.2. - Architrave che e' un elemento orizzontale che viene posto sui pedritti ed e' la parte piu' debole della struttura

4.1.2.3. -Timpano che non e' sempre presente ma e' principalmente un elemento che nasce come angolo di scarico per il peso delle pietre

4.2. Struttura a Tholos

4.3. E' una struttura con una forma circolare dove il soffitto e' realizzato a Pseudo Volta; ovvero le pietre venivano incastrate tra loro con un diametro sempre piu' stretto

4.4. Colonna

4.4.1. E' un tipo di pedritto che e' composto da:

4.4.1.1. -Capitello; che e' a sua volta composto:

4.4.1.1.1. dall'Abaco; e' la parte collegata all' architrave

4.4.1.1.2. dall'Echino; e' la parte piu' decorata della colonna

4.4.1.1.3. e dal Colladino; che e' la parte che collega il capitello al fusto della colonna

4.4.1.2. -Fusto; che e' il corpo della colonna e va a rastremarsi verso il basso

4.4.1.3. - La base; sono i piedi della struttura sulla quale si poggia

5. Civilta' Greca

5.1. E' evidenziata dall'unione nella lingua, religione e le Polis;

5.1.1. le Polis erano le citta' stato che venivano constituite da:

5.1.1.1. -L'Acropoli; era la parte piu' alta della citta che era derivata alla vita religiosa

5.1.1.2. -L'Asty; era la zona abitata della citta'

5.1.1.3. -L'Agora'; era la piazza principale del centro della citta'

5.1.1.4. -La Chora; era la campagna

5.1.1.5. -La Komai; era la parte dove si trovavano le case sparse dei contadini

6. I Periodi dell'arte Greca

6.1. Hanno profonde differenze tra loro

6.2. Periodo di Formazione (dal 12^ al 10^ secolo)

6.2.1. E' quando si forma la civilta' Greca, era visto come un periodo oscuro dove si trova una vasta produzione vascolare proto-geometrica

6.3. Periodo Geometrico (dal 9^ all 8^ secolo)

6.3.1. E' caraterrizato dalla micro-plastica che ha dei Registri Geometrici piu' complessi

6.3.2. I Registri Geometrici erano importanti perchè credevano che attraverso le proporzioni e l'ordine si potesse raggiungere l'armonia e la perfezione

6.4. Periodo Arcaico (dal 7^ al 6^ secolo)

6.4.1. E' quando nasce l'architettura Monumentale in pietra e in marmol

6.5. Periodo Classico (nel 5^ secolo)

6.5.1. si divide in;

6.5.1.1. Eta' Classico Severo (dal 490 al 450)

6.5.1.2. Eta' dell'oro (dal 449 al 400)

6.5.1.2.1. E' descritta come un'eta' matura ed e' il periodo nel quale e' stata realizzata l'Acropoli Ateniese

6.6. Eta' Alessandrina (nel 3^ secolo)

6.6.1. Il nome deriva da Alessandro il Macedone che in questo periodo passa dalle polis a un vero e proprio impero

6.6.2. In questo periodo si assiste a grandi cambiamenti drastici come ad esempio il nudo femminile

6.7. In questo periodo si assiste a grandi cambiamenti drastici come ad esempio il nudo femminile

6.8. Eta' Ellenistica (dal 323 al 31 a.C.)

6.8.1. Inizia con la morte di Alessandro il Macedone e finisce con la battaglia di Azio dove Ottaviano sconfigge Antonio e viene poi ufficiato come imperatore

7. I Teatri

7.1. Avevano un importante ruolo religioso per le civilta', ed erano sempre collocati al di fuori delle Polis nella natura perche' si credeva ci fosse un rapporto di sacralitra' tra l'uomo e la natura

7.2. nei Teatri si trovavano le Pitture

7.2.1. Venivano analizzate attraverso uno schema

7.2.1.1. La didascalia

7.2.1.1.1. In cui si trova la descrizione della pittura, l'origine, e il luogo attuale

7.2.1.2. Analisi Iconografica

7.2.1.2.1. Consiste nel descrivere il contenuto dell'immagine

7.2.1.3. Analisi Iconologica

7.2.1.3.1. Consiste nel descrivere il significato del contenuto dell'immagine

7.2.1.4. Analisi Stilistica

7.2.1.4.1. Consiste nel descrivere le linee e i metodi usati nella pittura

7.2.1.5. Restaurazione

7.2.1.5.1. Puo' esssere:

7.2.1.5.2. Conservativa: consiste nell'evidenziare le parti mancanti senza modificare l'originale

8. Tauro Catapsia

8.1. Didascalia:

8.1.1. pittura pareatale, altezza 80cm, dal palazzo di knosso, ora al museo archeologico di Heraklion

8.2. Analisi Iconografica:

8.2.1. si vede un toro che è rappresentato più grande della realtà e tre figure intorno

8.2.2. non c'è la tridimensionalità perchè non c'è un piano d'appoggio

8.3. Analisi Iconologica:

8.3.1. la grandezza del toro evidenzia la potenza e viene evidenziato il sesso con i genetali e le corna

8.3.2. le 3 figure sono degli atleti che svolgono un rito religioso dove dovrebbere assorbire la potenza del toro, inoltre si riconosce che sono 2 donne e 1 uomo per la differenza nella carnagione, l'ampiezza del busto e la lunghezza dei capelli

8.3.2.1. la carnagione bianca della donna evidenzia l'energia e la purezza perchè al tempo prellenico si credeva che la donna aveva un ruolo importante a differenze del tempo greco dove nasce l'idea della donna sottomessa all'uomo

8.4. Analisi Stilistica:

8.4.1. si nota l'uso della linea curva (diverse da quelle egizie che erano più rigide e si parla di cultura Teocratica) che rappresenta la libertà di movimento dinamico e l'atleticità delle figure

8.5. Restaurazione:

8.5.1. era intergrativa, fatta da Arthur Evans che era un archeologo britannico che restaura anche la Città Palazzo di Knosso

9. I Prospetti dei Templi

9.1. Ovvero i lati e vengono classificati anche come Ordini che deriva da Ordinato perchè nel Periodo Geometrico si credeva che si potesse raggiungere la perfesione e l'armonia attraverso le proporzioni

9.2. si credeva che per rendere un tempio perfetto e raggiungere l'armonia si doveva ricorrere a Proporzioni e Giochi Ottici come ad es. i templi erano leggermente Convessi così da sembrare più dritti e grandi

9.3. I primi ad usare gli Ordini erano i Greci

9.3.1. esistevano principalmente 3 ordini;

9.3.1.1. Ordine Dorico

9.3.1.1.1. il nome deriva dalla popolazione Dori che si era insediata nel Peloponneso

9.3.1.1.2. era il più Arcaico

9.3.1.1.3. aveva il diametro più grande

9.3.1.1.4. era il più massiccio quindi dava ai templi un'aspetto monumentale che evidenziava la grandezza dei templi che evidenziavano la potenza degli dei

9.3.1.1.5. non aveva la base

9.3.1.1.6. Era composto;

10. Nel Periodo Arcaico

10.1. nasce l'architettura da cui si ricavano;

10.1.1. i Santuari

10.1.1.1. Erano luoghi religiosi e sacri per tutta la civiltà greca

10.1.1.2. Ad esempio il Santuario di Delfi (sul monte Parnasso) edicato al dio Apollo che era il dio solare nella civiltà Greca ma non nella civiltà Egizia nella quale era Rà

10.1.2. i Templi

10.1.2.1. erano luoghi religiosi

10.1.2.2. possono essere;

10.1.2.2.1. In Antis

10.1.2.2.2. Amphi In Antis

10.1.2.2.3. uguale a quello In Antis ma aveva l'Opistodomo; ovvere le colonne e le ante si trovavano anche sul retro

10.1.2.2.4. Pro Stillo

10.1.2.2.5. Amphi Pro Stilo

10.1.2.2.6. Periptero

11. i Vasi

11.1. a partire dal Periodo di Formazione si inizia a notare una vasta produzione vascolare

11.1.1. ad esempio;

11.1.1.1. Olpe: era per uso quotidiano

11.1.1.2. Kylix: era per bere il vino

11.1.1.3. Lekythos: per i profumi

11.1.1.4. Skyphos: per i rituali

11.1.1.5. Pyxis: per contenere gli unguenti, era in terracotta o in metallo

11.1.1.6. il Cratere: era per il vino che veniva servito con un mestolo

11.1.1.6.1. composto da:

11.1.1.7. l'Anfora del Lamento Funebre

11.1.1.7.1. è dalla Necropoli di Dyplion

11.1.1.7.2. i vasi grandi si utilizzavano come lapidi per le tombe delle donne

11.1.1.7.3. raffiugura la sepoltura di una donna con le figure maschili intorno che hanno le mani al capo in segno di disperazione

11.1.1.7.4. le decorazione sono in figure nere su argilla rossa che era tipica della bidimensionalità, poi si arriva alla tridimensionalità nel Periodo Arcaico dove le figure sono rosse su argilla nera

12. Ordine Ionico

12.1. il nome deriva dalla Ionia (attuale Turchia)

12.2. era un ordine più elegante

12.3. aveva un diametro più piccolo

12.4. Era composto;

12.4.1. Dalla Base;

12.4.1.1. che era posata sullo Stilobate ed era composta da 2 serei di Tori con in mezzo una Scozia

12.4.2. Dal Fusto;

12.4.2.1. nel quale non si vedeva più l'entasi e aveva le scanalature ned era rastremato verso l'alto

12.4.3. Dal Capitello;

12.4.3.1. che era formato dall' Echino a volute, gli ovuli, e l'Abaco sul quale si poggiava l'Architrave

12.4.4. La Trabeazione;

12.4.4.1. L'Architrave

12.4.4.1.1. era tripartito, ovvero diviso in 3 parti che avevano lo scopo di far sembrare l'architrave più leggera e luminosa con gli effetti del chiaro-scuro

12.4.4.2. Fregio

12.4.5. Il Frontone;

12.4.5.1. il Geison

12.4.5.1.1. ovvero era la cornice che lo decorava

12.4.5.2. il Timpano

12.4.5.2.1. ovvero l'angolo di scarico per il peso delle pietre

12.4.5.3. Gronda

12.4.5.3.1. che era per far scivolare la pioggia

13. Ordine Corinzio

13.1. il nome deriva dalla città di Corinto situata nel Peloponneso

13.2. l'ordine è uguale a quello Ionico ma cambia;

13.2.1. la base

13.2.1.1. dove si aggiunge il Plintos che aveva una forma a mattone

13.2.2. il capitello

13.2.2.1. dove si trovano 2 corone di foglie di acanto che risalgono alla leggenda che dice che un giorno venne posto a corinto una cesta piena di acanto e di oggetti di una fanciulla sulla sua tomba

13.2.2.2. poi c'è il Caulicolo che sono i rami delle foglie di acanto

13.2.2.3. poi nell'Abaco si nota il Calato e il labbro del calato

14. Porta dei Leoni

14.1. è un esempio di sistema Architravato

14.2. si trova all'entrata della città di Micene

14.3. Analisi Iconogrfafica:

14.3.1. si notano 2 leonesse all'interno del timpano

14.4. Analisi Iconologica:

14.4.1. si nota che sono leonesse per la mancanza dei genetali, si usa la figura della donna perchè aveva un ruolo importante e si credeva che rappresentasse energia

14.4.1.1. si credeva che le leonesse fossere una rappresentazione Apotropaica; ovvero scacciava il male e la negatività perchè le leonesse difendavano il posto