LA TEORIA DEL CINEMA

Iniziamo. È gratuito!
o registrati con il tuo indirizzo email
LA TEORIA DEL CINEMA da Mind Map: LA TEORIA DEL CINEMA

1. Georges Duhamel:

2. "Ogni spettatore è un teorico in potenza e ogni volta che ci troviamo di fronte a un'esperienza di spettatorialità ci troviamo in presenza di una possibilità di teoresi. E' appunto questo ciò che ci permettono di verificare le prime teorie del cinema.''

3. "Che cos'è la teoria del cinema"? "la teoria del cinema è la testimonianza materiale del fatto che il cinema fa pensare".

4. Il theoros nell'antica Grecia è una persona che partecipa ad una festa come un osservatore, è lo spettatore.

4.1. Gadamer, "Verità e metodo": riassunto: Gadamer, Verità E Metodo: Riassunto - Riassunto di Filosofia gratis Studenti.it

5. Deleuze film:

6. Una definizione del termine "teoria" nel libro di Hans Gadamer "Verità e metodo"

7. Deleuze

7.1. Secondo Deleuze "la teoria del cinema non è 'sul' cinema, ma sui concetti che il cinema suscita...non si fonda sul cinema, ma sui concetti del cinema, che sono pratiche effettive ed esistenti quanto lo stesso cinema".

8. Georges Duhamel: "non posso più pensare ciò che vedo, le immagini in movimento si sostituiscono ai miei stessi pensieri"

9. Rino Genovese: "la teoria è un insieme di osservazioni e descrizioni che possono risultare vere o false, ma che vengono sempre svolte a partire da punti di vista. Una teoria comincia con uno spostamento del punto di vista, che instaura determinati spostamenti ripetibili dei punti di vista, funzionali alla visibilità e alla messa a fuoco degli oggetti da descrivere all'interno della teoria. Con ciò stesso, identificando i suoi oggetti mediante il ripetersi dell'osservazione, la teoria […] diventa qualcosa di abituale e si trasforma in una credenza."

10. Victor Sklovskij: https://www.quodlibet.it/catalogo/autore/1268/viktor-sklovskij

11. "Il cinema è uno strumento per imparare a vedere"