La coordinazione = capacità di organizzare, regolare e controllare il movimento del corpo nello ...

Iniziamo. È gratuito!
o registrati con il tuo indirizzo email
La coordinazione = capacità di organizzare, regolare e controllare il movimento del corpo nello spazio e nel tempo per raggiungere un obiettivo. da Mind Map: La coordinazione = capacità di organizzare, regolare e  controllare il movimento del corpo nello spazio e nel tempo  per raggiungere un obiettivo.

1. Le forme di coordinazione sono 5:

1.1. La destrezza: si utilizza per indicare la capacità di apprendere e realizzare differenti compiti motori in modo rapido, preciso e adeguato allo scopo.

1.2. La coordinazione oculosegmentaria: è la capacità di integrare l’informazione visiva con i movimenti di singole parti del corpo.

1.3. La coordinazione dinamica generale: è la capacità di eseguire una successione di movimenti complessi nello spazio.

1.4. La coordinazione intersegmentaria: è la capacità di coordinare fra loro i movimenti di singole parti del corpo. Si divide in 4 parti:

1.4.1. omologa se prevede il movimento contemporaneo degli arti superiori,di quelli inferiori, dell’arto superiore e inferiore dello stesso lato.

1.4.2. crociata se all’azione di un arto superiore corrisponde l’intervento dell’arto inferiore opposto.

1.4.3. associata quando i movimenti delle singole parti del corpo avvengono sullo stesso piano, nella medesima direzione e con lo stesso ritmo.

1.4.4. dissociata quando i movimenti avvengono su piani o direzioni diverse e con ritmi differenti.

1.5. Capacità coordinative generali: sono insite in qualunque gesto motorio. Si divide in 3 parti:

1.5.1. la capacità di apprendimento motorio cioè saper far propri gesti o azioni che prima non si era in grado di realizzare.

1.5.2. la capacità di controllo motorio cioè saper organizzare il movimento in modo da realizzare in maniera corretta l’azione programmata e raggiungere lo scopo prefissato mentalmente prima dell’esecuzione.

1.5.3. la capacità di adattamento e trasformazione del movimento cioè saper modificare l’azione iniziata per poter far fronte a situazioni impreviste o sconosciute, e raggiungere comunque il risultato ricercato.

2. Le capacità coordinative speciali sono 7:

2.1. la capacità di accoppiamento e combinazione = permette di collegare tra loro diverse abilità e di realizzare un movimento unitario in cui è necessario coordinare i movimenti di singole parti del corpo e/o di singole azioni.

2.2. la capacità di differenziazione = consente di variare l’impegno neuromuscolare con cui viene realizzata una prestazione motoria.

2.3. la capacità di orientamento = consente di organizzare e variare le posizioni e i movimenti del corpo nell’ambito dello spazio e del tempo in cui si opera.

2.4. la capacità di ritmo = consiste nel sapersi adattare a un ritmo imposto dall’esterno o nell’imporre un proprio ritmo di esecuzione interiorizzato e autodeterminato

2.5. la capacità di reazione = è la capacità di iniziare ed eseguire un’azione motoria in modo rapido, corretto e appropriato in risposta a un segnale. La reazione può essere semplice o complessa.

2.6. la capacità di fantasia motoria = è la capacità di adattare e trasformare il movimento con creatività: consiste nel saper percepire o prevedere possibili variazioni esterne o ambientali che intervengono durante lo svolgimento dell’azione e nel riuscire a modificare o correggere opportunamente l’azione già avviata.

2.7. l’equilibrio = è la capacità di mantenere o ripristinare una posizione stabile del corpo sia da fermi che in movimento. L’equilibrio può essere: statico, dinamico, di volo e di rotazione.

2.7.1. Viene mantenuto per mezzo di riflessi compiuti da una parte del cervelletto che elabora e riconosce la posizione del centro di gravità attraverso le afferenze sensoriali: propriocettive, vestibolari, pressorie, tattili e visive.

2.7.2. Per migliorare il proprio equilibrio bisogna: allargare la base d’appoggio, abbassare il baricentro, mantenere la colonna allineata, orientare la base d’appoggio nella direzione in cui si esegue l’azione e fissare lo sguardo su oggetti fissi.

3. Le abilità motorie sono attività apprese che si realizzano con elevata probabilità di riuscita, minimo dispendio energetico o nel più breve tempo possibile. I tipi di abilità motorie sono 5:

3.1. Abilità aperta: si esegue in ambiente imprevedibile e mutevole e richiede di adattare continuamente i movimenti.

3.2. Abilità chiusa: avviene per lo più in ambiente stabile e prevedibile.

3.3. Abilità discrete: sono quelle abilità in cui l’azione ha generalmente un inizio e una fine ben distinti ed è di solito di rapida esecuzione.

3.4. Abilità seriali: l’unione di più abilità discrete determina un gesto o un compito motorio più complesso, la cui buona riuscita dipende dalla capacità di ben inserire ed eseguire le diverse abilità discrete che lo compongono.

3.5. Abilità continue: sono abilità generalmente di natura ripetitiva e ritmica senza un inizio e una fine facilmente individuabili: il termine dell’azione motoria è stabilito dal soggetto o da limiti fisici.