La polis greca

Iniziamo. È gratuito!
o registrati con il tuo indirizzo email
La polis greca da Mind Map: La polis greca

1. Che cos'è la polis

1.1. Polis: istituzioni che governano un certo territorio e la sua popolazione

1.2. Il momento unificante della vita quotidiana era rappresentato dai culti in onore delle divinità cittadine, a cui era destinata l'acropoli.

1.3. C'era un centro urbano dove si poteva commerciare e svolgere attività artigianali, l'agorà, dove si stabilirono anche i ricchi proprietari terrieri/aristocratici.

2. Le origini della polis

2.1. La polis era dominata dagli aristocratici, con le loro associazioni, sorta alla fine dei secoli bui, costituirono la loro prima forma organizzativa della polis.

2.2. Nel VIII secolo a.C. queste associazioni si trasformarono in istituzioni stabili, i conflitti venivano sciolti in queste riunioni/assemblee.

2.3. Nelle assemblee si ergevano anche un gruppo di persone che dovevano regolare i conflitti e governare nell'interesse di tutti.

3. Il governo dei cittadini

3.1. La sovranità apparteneva ai cittadini, ma non tutti avevano la cittadinanza, era infatti limitata all'aristocrazia.

3.2. I cittadini sceglievano gli organismi, e le leggi. Avevano la condivisione del potere politico.

4. La seconda colonizzazione greca

4.1. In Grecia la terra coltivabile era limitata, e la popolazione era troppo numerosa.

4.2. Questo aprì un grande flusso migratorio (colonizzazione). I nuovi insediamenti erano indipendenti dalla madrepatria.

5. La nascita delle tirannidi

5.1. Per arginare i conflitti i greci usarono le tirannidi.

5.2. Il tirannide era colui che deteneva il potere assoluto.

6. Consenso e opposizioni alle tirannidi.

6.1. Le tirannidi si reggevano sul consenso dei contadini piccoli e medi. Erano appoggiati anche dagli artigiani e commercianti.

6.2. Alle tirannidi si opponevano gli aristocratici, perché una volta eletto un tirannide, essi non avrebbero più avuto nessun potere politico e sociale.

7. La diffusione dei flussi migratori

7.1. Le mete principali furono l'Italia e la sicilia, I primi insediamenti furono Pitecusa e Cuma, più avanti fondarono Siracusa, Catania, Reggio, Taranto e Agrigento.

7.2. Verso l'Egeo e il Mar Nero partirono anche i fondatori di Marsiglia della francia del sud.

8. L'opera dei legislatori

8.1. I conflitti sociali ebbero un'importante conseguenza, la trascrizione delle leggi.

8.2. Una volta le leggi erano tramandate per consuetudine, adesso che sono scritte invece ognuno può andare a controllarle e impararle con più facilità.

8.3. In molte città la trascrizione delle leggi portò ad allargare la cittadinanza a tutti i membri del popolo.

9. La riforma politica e la cittadinanza

9.1. La cittadinanza era limitata all'aristocrazia terriera. Questo creò molti conflitti sociali

9.2. In seguito ci fu una riforma oplitica, adesso non spettava più solo alla cavalleria (aristocratici) a difendere la città, ma c'era anche la fanteria (medi proprietari terrieri, mercanti, artigiani benestanti.)

9.3. Partecipando alla difesa della polis i cittadini rievocavano il diritto di prender parte da uguali alla cittadinanza.

9.4. La cittadinanza garantiva tre caratteristiche: autonomia, indipendenza e uguaglianza di fronte alla legge.