SEMEIOTICA PSICHIATRICA

Iniziamo. È gratuito!
o registrati con il tuo indirizzo email
SEMEIOTICA PSICHIATRICA da Mind Map: SEMEIOTICA PSICHIATRICA

1. depersonalizzazione autopsichica, somatopsichica, allopsichica o derealizzazione

2. DISTURBI DELL'UMORE

2.1. DEFINIZIONE DI UMORE

2.1.1. stato emotivo globale con cui il mondo viene percepito, è soggettivo pervasivo e durevole

2.2. può essere NORMALE/EUTIMICO o anormale OLOTIMIA o CATATIMIA (umore rigido, che non cambia al cambiare dello stimolo)

2.3. UMORE DEPRESSO, MANIACALE, DISFORICO, IRRITABILE, TRIZTEZZA VITALE

3. DISTURBI DELL'AFFETTIVITA'

3.1. DEFINIZIONE DI AFFETTO

3.1.1. pattern di comportamenti osservabili, espressione di uno stato emotivo esperito soggettivamente

3.2. DEFINIZIONE DI AFFETTIVITA'

3.2.1. capacità di provare emozioni

3.3. ANSIA

3.3.1. emozione spiacevole che consiste in un sentimento di penosa aspettativa di fronte ad uno stimolo reale o potenziale, immediato o imminente associata a sintomi fisici e psichici

3.3.1.1. fenomeni somatici, psichici, mimici e comportamentali, sintomi di confine

3.3.2. normale, patologica, di stato, di tratto, generalizzata, situazionale, libera, sociale, anticipatoria

3.4. ANGOSCIA

3.4.1. forma di ansia intensa caratterizzata da forte somatizzazione (precordio) e senso di morte imminente

3.5. PAURA

3.5.1. normale manifestazione caratterizzata da timore relativo ad uno stimolo non proiettato nel futuro ma immediato

3.6. FOBIA

3.6.1. correlato patologico della paura caratterizzato da timore, disgusto, terrore verso uno stimolo per altri non pauroso, si ha coscienza di malattia ed evitamento

3.6.1.1. moderata o grave

3.6.1.2. specifica, sociale, agorafobia

3.7. PANICO

3.7.1. ansia di particolare intensità caratterizzata da blocco e paralisi davanti allo stimolo: attacchi di panico

3.8. ALTRI DISTURBI

3.8.1. ambivalenza affettiva, dissociazione affettiva, labilità affettiva, appiattimento affettivo, apatia, anedonia, autismo, alessitimia

4. DISTURBI DELLA MEMORIA

4.1. DEFINIZIONE DI MEMORIA

4.1.1. capacità di fissare, immagazzinare e rievocare informazioni

4.1.2. può essere a breve e lungo termine, quest'ultima volontaria o involontaria

4.1.3. processo di memorizzazione: encoding, stortage, retrival

4.2. QUANTITATIVI

4.2.1. ipermnesia

4.2.1.1. situazionale o permanente

4.2.2. amnesia, ipomnesia

4.2.2.1. anterograda, retrograda, antero retrograda, lacunare (tempo), elettiva (significato comune), sistematizzata (affettività), dissociativa, psicogena

4.3. QUALITATIVI

4.3.1. illusioni di memoria

4.3.2. allucinazioni

4.3.2.1. falsi ricordi

4.3.2.1.1. confabulazioni, psedologia fantastica

4.3.2.2. falsi riconoscimenti

4.3.2.2.1. deja vu, jamais vu

5. DISTURBI DELL'ATTENZIONE

5.1. DEFINIZIONE DI ATTENZIONE

5.1.1. capacità di mantenere l'attività della mente focalizzata su un oggetto o situazione. può essere concentrata, dispersa o aspettante

5.2. disattenzione/ipoprosessia, iperprosessia, distraibilità

6. DISTURBI DELLA VOLONTA' E PSICOMOTRICITA'

6.1. DEFINIZIONE DI PSICOMOTRICITA'

6.1.1. espressione comportamentale e motoria di impulsi, motivazioni, desideri, pulsioni e istinti

6.1.2. può essere aumentata o diminuita

6.2. ABULIA-AVOLIZIONE

6.2.1. completa mancanza di volontà e ridotto impulso ad agire e pensare: depressione, schizofrenia, patologie neurologiche

6.3. IMPULSO E IMPULSIVITA'

6.3.1. atto fisico o verbale senza un particolare obiettivo nè finalizzato che diversamente dall'ossessione non viene neutralizzato ma pprta ad impulsività (incapacità a resistere all'impulso)

6.3.1.1. disturbo da discontrollo degli impulsi (piromania, gambling, cleptomania)

6.4. DISTURBI

6.4.1. stupor, aprassia, catatonia, catalessia, sitofobia, negativismo, automatismo al comando, stereotipia, manierismi, bizzarrie, acatisia, astasia, distonia, cataplessia, tic, balbuzie, rapsus

7. DISTURBI DELLO STATO DI COSCIENZA

7.1. DEFINIZIONE DI COSCIENZA

7.1.1. capacità dell'individuo di percepire e rispondere a stimoli interni ed esterni, insieme di wakefulness e arousal. ricorda egonistonia ed egodistonia

7.1.1.1. alterazione ipnoide: c'è orientamento spazio tempo ma non si disturgue reale e non

7.2. QUANTITATIVI

7.3. QUALITATIVI

7.3.1. alterazione oniroide

7.4. MISTI

7.4.1. delirium

7.4.1.1. alterazione spazio tempo, deliri, allucinazioni, illusioni, alterazioni della coscienza, disturbo dell'attenzione, in breve arco di tempo e con causa organica acuta

8. DISTURBI DELLA PERCEZIONE

8.1. DEFINIZIONE DI PERCEZIONE

8.1.1. modo con cui si percepisce l'ambiente

8.2. DISORSIONI SENSORIALI

8.2.1. iperestesia, iperacusia, micropsie e megalopsie, dismegalopsie, scissione della percezione

8.3. FALSE PERCEZIONI

8.3.1. ILUSIONI

8.3.1.1. lo stimolo è reale ma ne viene alterata la percezione, per via di uno stato affettivo o non (pareidolalia)

8.3.2. ALLCINAZIONI

8.3.2.1. stimolo non reale, immaginario, no insight, percezione esterna

8.3.2.2. uditive (elementari, voci), visive (delirium, SPAT), Charles Bonnet, cinestetiche, gustative, olfattive, ipnagogiche, ipnapompiche, funzionali, riflessive, dissociative, negazione

8.3.3. PSEUDOALLUCINAZIONI

8.3.3.1. percezione immaginaria di uno stimolo non reale proveniene dallo spazio interno (voci), no insight

8.3.4. ALLUCINOSI

8.3.4.1. percezione di uno stimolo non reale della cui falsità si ha consapevolezza

9. DISTURBI DEL CONTENUTO DEL PENSIERO

9.1. IDEE PREVALENTI

9.1.1. idea o gruppo di idee che dominano la vita del soggetto, sostenute da forte investimento personale, irragionevoli dall'esterno. se si spiega al sg ammette la possibilità di un falso contenuto

9.2. DELIRIO

9.2.1. credenza personale falsa basata su un'interpretazione scorretta della realtà esterna e sostenuta fermamente a dispetto di ogni evidenza del contrario

9.2.1.1. teoria di Jaspers: certezza soggettiva, falsità di contenuto e incorregibilità

9.2.1.2. congro o non con l'umore, bizzarro o non, lucido o confuso, situazionale o generalizzato

9.2.1.3. Scheider: intuizione delirante, percezione delirante

9.2.1.4. conrad: fasi dello sviluppo del delirio

9.3. DELIROIDE

9.3.1. causato da stati affettivi, disturbi psicosensoriali, tratti del carattere o avvenimenti

9.3.2. TEMATICHE: delirio di riferimento, di persecuzione, di grandezza, di intuizione, di gelosia, dismorfico, di colpa, di rovina, erotomanico, di negazione, ipocondriaco, di trasformazione corporea, dermatozoico, querulomane

10. DISTURBI DELL'ESPERIENZA DELL'IO

10.1. diffusione del pensiero, eco del pensiero, furto del pensiero, inserzione del pensiero, delirio di influenzamento somatico e di volontà

11. DISTURBI DELLA COSCIENZA DELL'IO

12. DISTURBI DELLA FORMA DEL PENSIERO

12.1. modalità di tradurre in linguaggio il contenuto del pensiero, organizzazione formale

12.2. DISTURBI INTRINSECI

12.2.1. pensiero concreto, overinclusion, illocigità

12.3. DISTURBI DEL LINGUAGGIO

12.3.1. disturbi del volume

12.3.2. quantitativi

12.3.2.1. logorrea, mutismo, fuga del pensiero e blocco del pensiero, povertà dell'eloquio, povertà del contenuto, rallentamento, aumentata latenza di risposta (alogia)

12.3.3. qualitativi

12.4. ruminazione, verbigerazione, circostanzialità, tangenzialità, deragliamento, incoerenza, neologismo, risposte di traverso, disturbo di referenzialità

13. OSSESSIONI E COMPULSIONI

13.1. OSSESSIONE

13.1.1. pensieri, immagini, idee, egodistonici, che il pz cerca di contrastare, ricorrenti e persistenti

13.1.1.1. pensieri ossessivi, immagini ossessive, impulsi ossessivi

13.2. COMPULSIONI

13.2.1. comportamenti o azioni mentali messe in atto in risposta ad un'ossessione

14. DISTURBI DELL'INTELLIGENZA

14.1. DEFINIZIONE DI INTELLIGENZA

14.1.1. capacità di risolvere problemi ed adattarsi a nuove esigenze

14.1.2. valutata mediante QI:EM/ECX100

14.2. disabilità intellettiva se QI<70e compromissione e funzionamento di almeno 2 attività sociali