Disequilibrio delle masse monetarie

Iniziamo. È gratuito!
o registrati con il tuo indirizzo email
Disequilibrio delle masse monetarie da Mind Map: Disequilibrio delle masse monetarie

1. Moneta

1.1. Strumento economico per facilitare gli scambi commerciali

1.1.1. 2 forme

1.1.1.1. Moneta fiduciaria

1.1.1.1.1. Monete e banconote senza valore intrinseco. Il valore non corrisponde al valore di ciò che sono fatte

1.1.1.2. Moneta scritturale

1.1.1.2.1. Ultima forma di dematerializzazione della moneta. I pagamenti si effettuano trasferendo importi da un conto all'altro. Non è una vera e propria moneta

1.1.2. Funzioni

1.1.2.1. Pagamento

1.1.2.2. Unità di misura del valore di beni e servizi

1.1.2.3. Riserva di valore: puoi rinunciare ad un bene ma conservarne il valore per quanto vuole

1.1.2.4. Regola l'economia: la quantità di moneta in circolazione deve essere giusta

2. Disequilibri monetari

2.1. Inflazione

2.1.1. Più frequente

2.1.2. Cos'è

2.1.2.1. Aumento del livello generale dei prezzi

2.1.2.1.1. Vari tipi

2.1.3. Cause

2.1.3.1. Situazione di disequilibrio tra offerta e domanda

2.1.3.1.1. La domanda è maggiore dell'offerta e quindi i prezzo si alza

2.1.3.1.2. Inflazione da domanda

2.1.3.1.3. Inflazione da costi

2.1.3.1.4. Inflazione da eccesso di moneta

2.1.3.1.5. Inflazione importata

2.1.4. Conseguenze

2.1.4.1. Diminuzione del potere d'acquisto

2.1.4.1.1. Debitore e creditore

2.1.4.1.2. Risparmiatore

2.1.4.1.3. Consumatore

2.1.4.1.4. Importazione/esportazione

2.1.4.1.5. Politica

2.1.5. Lotta all'inflazione

2.1.5.1. Un paese può sopportare un giusto livello di inflazione per un lungo periodo. La spirale inflazionistica (prezzi-salari-prezzi) deve essere contenuta.

2.1.5.1.1. Strumenti di lotta

2.2. Deflazione

2.2.1. Più grave

2.2.2. Cos'è

2.2.2.1. Diminuzione del livello generale dei prezzi

2.2.2.1.1. Calo della produzione

2.2.2.1.2. Aumento disoccupazione

2.2.3. Cause

2.2.3.1. La domanda si indebolisce per un lungo periodo

2.2.3.1.1. Mancanza di denaro

2.2.3.1.2. Perdita di fiducia dei consumatori

2.2.4. Conseguenze

2.2.4.1. Consumatori ed imprenditori assumono un atteggiamento deflazionistico

2.2.4.1.1. Convinzione che i prezzi continueranno a diminuire

2.2.4.1.2. Convinzione che i prezzi continueranno a diminuire

2.2.4.2. Domanda diminuisce

2.2.4.2.1. Calo dei prezzi

2.2.5. Lotta alla deflazione

2.2.5.1. Stato

2.2.5.1.1. Conduzione di una politica interventistica

2.2.5.1.2. BNS

2.3. Stagflazione

2.3.1. Più sorprendente

2.3.2. Cos'è

2.3.2.1. Stagnazione ed inflazione

2.3.2.1.1. Stagnazione della crescita economica

2.3.2.1.2. Forte inflazione

2.3.3. Cause

2.3.3.1. Eccesso di liquidità sul mercato

2.3.3.1.1. Proviene da una politica di rilancio iniziata per frenare una recessione (contraccolpo)

2.3.3.2. Improvviso e importante aumento del prezzo del petrolio

2.3.3.2.1. Impossibilità di sostituire il petrolio con un'altra risorsa

2.3.4. Lotta alla stagflazione

2.3.4.1. Fare una scelta

2.3.4.1.1. Lottare contro la disoccupazione

2.3.4.1.2. Lottare contro l'inflazione

3. Indice dei prezzi al consumo (IPC)

3.1. Cosa fa

3.1.1. Misura l'evoluzione dei prezzi dei beni/servizi rappresentativi del consumo delle economie domestiche

3.1.1.1. Indica di quanto sono rincarati i beni di consumo rispetto ad un altro momento

3.2. Utilizzo

3.2.1. Viene utilizzato per

3.2.1.1. Osservazione dell'andamento dei prezzi

3.2.1.2. Adeguamento dei salari, pensione, affitti all'evoluzione dei prezzi

3.2.1.3. Aggiustamento dei prezzi di dati statistici

3.2.1.4. Approntamento di basi decisionali di politica economia (BNS)

3.2.1.5. Confronto tra i paesi come indicatore economico

3.2.2. Viene calcolate mensilmente dall'ufficio federale di statistica (UST)

3.2.2.1. Rilevazione di 70'000 prezzi

3.3. Come

3.3.1. Definizione del paniere tipo

3.3.1.1. selezione rappresentativa dei beni e dei servizi consumati dalle economie domestiche

3.3.1.2. Divisione in 12 settori di spesa