COMPONENTI ELETTRONICI PER CIRCUITI DI POTENZA

COMPONENTI ELETTRONICI PER CIRCUITI DI POTENZA

Começar. É Gratuito
ou inscrever-se com seu endereço de e-mail
Rocket clouds
COMPONENTI ELETTRONICI PER CIRCUITI DI POTENZA por Mind Map: COMPONENTI ELETTRONICI PER CIRCUITI DI POTENZA

1. interruttore statico

2. gestire e controllare il flusso di energia

2.1. fasi, forma d'onda, fraquenza, tensione, corrente

3. sistema di controllo a catena chiusa

4. applicazione dell'elettroncia di potenza

4.1. alimentatori in dc

4.2. alimentazione pompe, compressori ecc...

4.3. automazione industriale

4.4. movimentazione

4.5. trasporti elettrici

4.6. saldatura

4.7. trasmissione HVDC-HVCA

4.8. rifasamento

4.9. interconnessione sistemi di generazione elettrica(inverter fotovoltaico)

5. Componenti elettr. potenza

5.1. classificazione valvole elettroniche

5.1.1. valvole semplici

5.1.1.1. diodi, on-off- secondo polarità della tensione

5.1.2. valvole comandate all'accensione

5.1.2.1. controllate da "gate" con opportune tensioni all'anodo-catodo tiristori SCR E GTO

5.1.2.1.1. Transistor bipolare a gate isolato

5.1.3. valvole comandate all'accensione e allo spegnimento

5.1.3.1. IGBT: interruttori controllabili

5.2. Caratteristiche degli interruttori statici

5.2.1. bassa corrente ad int. aperto bassa c.d.t. a int. chiuso

5.2.2. tempi ridotti di inserzione

5.2.3. alta tensione di blocco diretta e inversa. a valvola aperta, qualsiasi tensione a capi rimane in stato di OFF

5.2.4. elevata corrente nominale

5.2.5. alta tolleranza alla variazione di "I" e "V"

5.3. bassa potenza di controllo

6. diodi raddrizzatori di potenza

6.1. I dispositivi impiegati come raddrizzatori nei sistemi di potenza sono caratterizzati da elevati valori di corrente(centinaia di amper) e di tensione (migliaia di volts)

6.1.1. corrente accidentale di picco

6.1.2. tensione inversa di picco

6.1.3. corrente diretta media

6.1.4. corrente diretta efficace

6.2. Tipi di diodi

6.2.1. diodi schottlky

6.2.2. schottlky al carburo di silicio

6.2.3. a ripristino veloce

6.2.4. a frequenza di rete

6.3. importante il Tempo di ripristino

7. Tiristori SCR (Silicon Controlled Rectifier)

7.1. due morsetti: anodo e catodo + uno di controllo G, gate

7.2. la corrente di GATE costituisce una grandezza di comando e controllo del dispositivo, in grado di determinare il passaggio da circuito aperto a circuito chiuso

7.3. tempi di accensione e spegnimento in qualche micro secondo a 100 micro secondi

7.4. funzionamento ideale

8. TRIAC

8.1. DUE TIRISTORI IN PARALLELO

8.2. cambia il flusso secondo eccitazione positiva o negati sul gate

9. TIRISTORI GTO accensione e spegnimento

9.1. diminuisco tempi di spegnimento rispetto agli SCR

9.2. Sopportano correti e tensioni elevate

9.3. difetto tensioni elevate nella fase di conduzione

9.4. sostituiti con IGBT

10. bgt

10.1. loro uso costringe ad alimentare la base durante funzionamento, a differenza dei tiristori e GTO

11. MOSFET

11.1. dotati di terminali: drain D, source S e gate G

11.2. corrente di drain detta canale , la cui ampiezza determina l'intensità di correte

11.3. componente comandato in tensione

11.4. Vgs data continuativa, il funzionamento dipenda dal dare o togliere tensione

11.5. si comporta come carico capacitativo, ridotte c.d.t. durante la commutazione

11.6. non sopportano alte correnti e tensioni, 100A max 1000 V max. Pero' possono essere collegati in parallelo

12. IGBT

12.1. IL FUNZIONAMENTO ATTRAVERSO ALIMENTAZIONE IN TENSIONE DELLA PARTE mosfet

12.2. unione tra MOSFET e BGT

12.3. VANTAGGI

12.3.1. piccola C.D.T.ANCHE PER TENSIONI DI BLOCCO DI DIVERSE KVOLT

12.3.2. elevato valore di tensione di blocco HVIGTB 6,5KV

12.3.3. elevata corrente 3-4 kA

13. tiristore mct

13.1. sono dei tiristori, controllati da MOSFET. SI TRATTA DI TIRISTORE IN CUI LA CORRENTE DI CONTROLLO SUL GATE G1 E' FORNITA DA UN TRASISTOR MOSFET