Chi è l'educatore?

Iniziamo. È gratuito!
o registrati con il tuo indirizzo email
Rocket clouds
Chi è l'educatore? da Mind Map: Chi è l'educatore?

1. l'educatore è una persona con emozioni, sentimenti, che si occupa di relazioni e non solo della parte cognitiva

2. è una professione motivazionale

3. è cuorioso che crea una relazione, va oltre l'etichetta

4. non è giudicante

5. è un ascoltatore e un osservatore interessato

6. Deve creare fiducia e testimoniare

6.1. Carl Rogers: Relazione di fiducia molto profonda che tiene conto degli aspetti affettivi ed esperienziali

6.1.1. Apprendimento sulla persona intera

7. le domande sono un gancio relazionale

8. esso ricerca la persona, si comporta in modo diverso dagli altri (RIF. ANGELO E PADRE COSTANTINO)

9. Si mette in gioco e affronta la paura

9.1. è audace, si accolla i rischi

10. l'educatore attraverso la relazione con gli educandi si trasforma

10.1. ha bisogno di qualcuno che lo stupisca

11. L'educatore è stimolatore di cambiamento

11.1. E' un catalizzatore

11.2. Non vi è un riscontro immediato per quanto riguarda il cambiamento

12. L'educatore deve dotarsi di una propria filosofia dell'educazione attraverso l'intreccio delle proprie riflessioni

13. Crisi

13.1. L'educatore entra in crisi

13.2. L'educatore lavora nella situazione di crisi

13.2.1. crisi da carenza educativa

13.2.2. crisi da eccesso educativo

13.2.3. crisi da conflitto educativo

14. Tipi di interventi:

14.1. interventi sostitutivi

14.2. interventi aggiuntivi

14.3. interventi compensativi

14.4. Interventi promozionali

14.5. Interventi preventivi

14.6. Interventi di riduzione del danno

15. Ambiti operativi educatore:

15.1. Educativo e formativo

15.2. Scolastico

15.3. Socio-sanitario e della salute

15.4. Socio-assistenziale

15.5. Genitorialità e della famiglia

15.6. Culturale

15.7. Giudiziario

15.8. Ambientale

15.9. Sportivo e motorio

15.10. Integrazione e cooperazione internazionale

16. Competenze educatore quando guarda l'altro:

16.1. Saper potenziare le risorse altrui

16.2. Saper ristrutturare l'autopercezione altrui

16.3. Saper accompagnare e sostenere le persone in momenti critici

16.4. Saper motivare al cambiamento

16.5. Saper leggere i bisogni degli altri

16.6. Saper attivare relazioni significative

16.7. Saper interpretare il linguaggio non verbale altrui

17. Competenze: nel quotidiano

17.1. consapevole del proprio vissuto personale

17.2. essere a conoscenza dei propri stereotipi e pregiudizi

17.3. sapersi mettere in discussione

17.4. saper utilizzare gli errori

17.5. sapersi confrontare con gli altri

17.6. Sospendere il giudizio

17.7. Evitare i legami di dipendenza

17.8. Saper comunicare

17.9. Saper ascoltare attivamente

17.10. Saper tollerare e gestire le emozioni

17.11. Saper lavorare in equipe

17.12. Saper gestire la complessità

17.13. Saper tollerare e gestire l'incertezza

17.14. Saper progettare gli interventi educatvi mirati

17.15. Saper usare tecniche diverse di osservazione

17.16. Saper documentare l'esperienza

17.17. Saper apprendere ad apprendere

17.18. Sapersi assumere responsabilità

17.19. Saper prendere decisioni anche in situazioni di stress

17.20. Sapersi assumere i rischi

18. IMMAGINE ASINO LEGATO ALLA MACINA

19. Non sarà mai amico dell'educando

19.1. Giusta distanza

19.1.1. Ricerxa continua, sbagliando si riesce a capire la giusta distanza

19.2. Relazione asimmetrica

19.2.1. Non bisogna avere una posizione di superiorità (CASO DI CARLO)

20. L'educatore non è una divisa

21. Rischi educatore

21.1. Sindrome da Burnout

21.2. Accanimento educativo

21.3. Coinvolgimento

21.4. Etichettamento e giudizio

21.5. Non deve essere sfidante (2°CASO DI STUDIO)

22. Educatore deve essere autentico e privo di maschera (Rogers)

22.1. L'educando aiuta a togliere la maschera (Fajeti)

23. L'educatore ha volontà di sperimentare

23.1. Testimonianza Dottoressa mARIA cLBARI

24. Ambiti di intervento:

24.1. Famiglia

24.2. Gruppo dei pari

24.3. Scuola

24.4. Associazioni

24.5. Lavoro

24.6. Mezzi di comunicazione

24.7. Territorio

25. Compito educatore: intervenire laddove le "normali" dinamiche educative non consentono un autonomo percorso di crescita

25.1. Deve impedire l'adultizzazione precoce del bambino

26. l'educatore deve lasciare le proprie credenze per creare un pensiero critico

27. E' una figura professionale che ha avuto un percorso di riconoscimento difficile

27.1. Educatore incerto

27.2. Figura liquida

27.3. Non riconosiuta ma molto importante

28. Educatore come Padre costantino: accoglie e accetta i diversi soggetti che sono in difficoltà, non giudicante

29. L'educatore deve essere empatico (Rogers)

29.1. Educatore che sa osservare il mondo attraverso gli occhi dll'educando