Copy of Storia dell'arte contemporanea

Iniziamo. È gratuito!
o registrati con il tuo indirizzo email
Rocket clouds
Copy of Storia dell'arte contemporanea da Mind Map: Copy of Storia dell'arte contemporanea

1. Museo laboratorio della mente Studio azzurro

1.1. Roma

1.1.1. Ospedale psichiatrico Santa Maria della Pietà

1.1.1.1. si era convinti che era giusto allontanare il malessere dalla comunità.

1.1.1.2. manicomi come luoghi di rimozione

1.1.1.3. ogni imbarco era potenzialmente l'ultimo

1.2. Museo come espressione della memoria storica e come luogo di comprensione della mente umana e della sua sofferenza

1.2.1. malattia mentale data da spostamenti percettivi determinati da molteplici condizioni di adattamento o disagio

1.2.1.1. sensazione che

1.2.1.1.1. il cervello si raggrinzisca

1.2.1.1.2. la cella si muova

1.2.1.1.3. ti rubino i pensieri

1.2.1.1.4. ti esploda la testa

1.2.1.1.5. essere colpiti dalla corrente elettrica

1.2.1.2. disorientamento nel tempo fino a perdere l'identità

1.2.2. progressi scientifici su temi come il disagio psicosociale

1.2.3. due sezioni del museo

1.2.3.1. area storico-scientifica

1.2.3.1.1. fagotteria

1.2.3.1.2. camera di contenzione

1.2.3.1.3. testimonianze di infermieri, medici e studiosi

1.2.3.1.4. installazioni che rievocano gli ambienti

1.2.3.2. laboratorio esperienziale

1.2.3.2.1. Dova va tutta sta gente

1.2.3.2.2. Modi del sentire

1.2.3.2.3. Dimore del corpo

1.2.4. attraverso la tecnologia è possibile

1.2.4.1. creare ambienti sensibili

1.2.4.2. superfici interattive

1.2.4.3. rivivere l'esperienza dell'internato

1.2.4.4. creare una dimensione destabilizzante emotivamente

2. Jenny holzer

2.1. Progetti

2.1.1. For naples NAPOLI

2.1.1.1. Basilica di san francesco

2.1.1.2. Palazzo reale

2.1.1.3. Sede del comando militare

2.1.1.4. Piazza plebiscito

2.1.1.4.1. Schegge luminose da decifrare al fine di ricomporre una frase o una parola. La luce attraversa anche i passanti inconsapevoli

2.1.2. Strade di new york (manifesti anonimi)

2.1.3. Magliette & gadget

2.1.4. Pannelli pubblicitari

2.1.5. Proieziohi sulle onde di rio de janeiro

2.1.6. Montagne innevate di lilehammer

2.1.7. Festival del cinema

2.1.8. Museo ebraico di berlino

2.1.9. Web

2.2. Chi e

2.2.1. Figura interessante del panorama internazionale

2.2.2. Ricerca dell'arte concettuale

2.2.3. Progetti verso un grande pubblico

2.2.3.1. bersaglio di messaggi

2.3. Truism(sentenze)

2.3.1. Frasi spesso ambigue e contradditorie

2.3.2. Coinvolgimento emotivo e razionale

2.3.3. Intenzioni di instillare tolleranza

3. Edward Hopper

3.1. Nasce nel 1882

3.2. Interessato al disegno e all'ingegneria

3.3. Nel 1900 si iscrisse ad una scuola d'arte a new York

3.3.1. Robert Harry lo spingeva a cercare nella quotidianità l'ispirazione

3.4. Colpito dagli impressionisti e neo impressionisti

3.5. Prese parte ad un movimento "the eight" che era anche il numero degli esponenti

3.5.1. si ispirava al quotidiano e dipingeva in maniera pulita

3.6. Dopo un secondo viaggio in Europa definì la sua pittura realista

3.6.1. realizzò 3 opere

3.7. Josephy unica sua musa diventa sua moglie

3.8. Ispirò il cinema di Hitchcock

3.9. Nell'ultimo periodo della sua vita si occupa della memoria visiva

3.10. poco uso del colore

3.10.1. ritratti piatti

3.10.1.1. dopo alcuni viaggi in europa il colore riemergerà

3.11. Opere

3.11.1. Self Portrait

3.11.2. Soir Bleu

3.11.3. Night Shadow

3.11.4. Chop Suey

3.11.5. Hotel Room

3.11.6. Scompartimento C

3.11.7. New York Movie

3.11.8. The commedians

4. Jean-Michel Basquiat

4.1. Arte

4.1.1. Non penso all'arte quando lavoro Rifletto sulla vta

4.1.2. spettacolare immediatezza

4.1.3. suggestiva complessità

4.1.4. parola manipolata, moltiplicata, cancellata

4.1.5. molteplicità di segni e di immagini

4.1.6. Supporti più insoliti

4.1.7. colore acrilico, pastello ad olio, gesso, matita, collage, trasparenze, graffi...

4.2. Graffitismo

4.2.1. nasce intorno al 1970 - New York

4.2.1.1. Forma espressiva creata tramite scritte, immagini, decorazioni.

4.2.1.1.1. Metropolitana, stazioni, periferie urbane sono i luoghi in cui si diffonde inizialmente

4.2.1.2. Nasce fuori dal sistema dell'arte - trasgressivo e non colto

4.2.1.3. Critica con toni dissacranti e ironici Riferimenti alla società consumistica Al mondo della cultura di massa Ai media

4.2.1.3.1. Artisti della pop art si sentono integrati nel mondo come Andy Warhol

4.3. Vita

4.3.1. Nasce nel 1960 - New York

4.3.2. Triennale - Esposizione

4.3.3. In pochi anni accadono vicende che lo portano dalla strada al mercato delle gallerie internazionali

4.3.4. Assieme ad un compagno di scuola scrive sui muri delle strade di Manhattan frasi ironiche con la firma SAMO

4.3.4.1. SAMO Nuova forma d'arte Filosofia politica Via di fuga Alternativa a dio

4.3.5. Attacca la società materialista

4.3.6. Raggruppa la band "Gray"

4.3.6.1. sperimentazione sonore Ispirazione jazzistica

4.3.6.1.1. Ingenuità sbagliata che funzionava in un modo o nell'altro

4.3.7. Galleristi e collezionisti si contenderanno i quadri di Basquiat

4.3.7.1. Nasce una sensazione di malessere

4.3.7.2. 1980 esposizione - Times Square Show

4.3.7.2.1. downtown (generazione pop) uptown (rap e graffiti)

5. Keith Haring

5.1. Nasce in Pennsylvania 1958-1990

5.2. Frequenta l'ambiente artistico newyorkese

5.3. Inizia coi graffiti nella metropolitana

5.3.1. fogli neri sulle pubblicità e ci disegnava col gessetto bianco)

5.4. Lavori facilmente riconoscibili

5.4.1. segno fortemente stilizzato

5.4.1.1. universale e di lettura universale

5.4.2. attinge a simboli tradizionali (cuore, piramide, croce ecc.)

5.4.3. e da emblemi della cultura di massa

5.5. Tema della droga molto affrontato dagli artisti

5.6. 1982 dipinge su enormi teli di nylon con supporto vinilico

5.6.1. utilizza la sgocciolatura della vernice

5.6.2. inizia ad accostare colori complementari

5.7. Body Art

5.7.1. dipinge il corpo di Grace Jones

5.8. 1985 dipinge un negozio

5.9. 1986 apre il suo primo Pop Shop

5.9.1. vende gadget

5.9.2. permette di vedere l'artista all'opera

5.10. Impegnato socialmente dipingendo sul muro di Berlino e nei ghetti

5.11. A causa della sua omosessualità contrae il virus dell'HIV

5.11.1. fonda la Keith Haring Foundation a favore dei bambini malati di AIDS

5.12. Tuttomondo

5.12.1. Pisa

5.12.2. Rappresenta l'ideale di pace nel mondo

6. Luxometro

6.1. Gasometro di Roma

6.1.1. Area riqualificata

6.2. bellezza monumentale leggera e quasi virtuale

6.2.1. Controllo della programmazione delle accensioni. Permettendo di creare diverse composizioni

6.3. Angelo Bonello

6.3.1. Dedicato al teatro estremo: eventi spettacolari tra terra e cielo

6.3.2. Progetti in tutto il mondo

6.4. Undici chilometri di fibra luminosa Undici anelli Quaranta verticali e diagonali un milione di diodi

7. Luci d'artista

7.1. Torino (annuale)

7.1.1. Public art

7.1.1.1. Giulio Paolini

7.1.1.1.1. Palomar

7.1.1.2. Mario Merz

7.1.1.2.1. Arte povera

7.1.1.2.2. Il volo dei numeri

7.1.1.3. Rebecca Horn

7.1.1.3.1. Piccoli spirit blu

7.1.1.4. Joseph Kosuth

7.1.1.4.1. Doppio passaggio

7.1.1.5. Michelangelo Pistoletto

7.1.1.5.1. Amare le differenze

7.1.1.6. Nicola De Maria

7.1.1.6.1. Regno dei fiori

7.1.1.7. Jan Vercruysse

7.1.1.7.1. Fontane luminose

7.1.1.8. Mario Airò

7.1.1.8.1. Cosmometrie

7.1.1.9. Daniel Buren

7.1.1.9.1. Tappeto volante

7.1.1.10. Richi Ferrero

7.1.1.10.1. Lucedotto

7.1.1.11. Carmelo Giammello

7.1.1.11.1. Planetario

7.1.1.12. Luigi Mainolfi

7.1.1.12.1. Lui e l'arte di andare nel bosco

7.1.1.13. Mimmo Paladino

7.1.1.13.1. Pioggia di segmenti di luce

7.2. Nasce nel 1998

8. Fete des lumieres Lyon

8.1. 74 installazioni

8.2. 1852 la città chiese ad uno scultore una grande statua della vergine

8.3. Vengono fatti i festeggiamenti ma un'alluvione mette la città in difficoltà

8.4. Posticipato il festeggiamento

8.5. la città viene colpita da un nubifragio

8.6. Nel pomeriggio il tempo miracolosamente migliora e gli abitanti si organizzano addobbando l'intera città di luci

8.7. Il tutto ha avuto un coinvolgimento così forte che tale evento si tramanda da 150 anni

8.8. Divenne un festival a partire dal 1989 con installazioni nuove ogni anno

9. Quartier des spectacles Montreal

9.1. Dal 2002

9.2. quartiere degli spettacoli, piano luce, segnaletica stradale, tracciato di luce.

9.3. Campo di pixel

9.3.1. cambiano colore se passa qualcuno

10. Arthur Duff

10.1. Castelfranco Veneto

10.1.1. Dalla torre dell'orologio la luce di un laser verde proietta frasi catturate dal quotidiano

10.1.1.1. Parole ricavate da registratori posti all'autobus, davanti alle vetrine, in piazza

10.1.1.2. frammenti di conversazioni allacciati e ritagliati fuggevoli realtà

10.1.1.3. connotazioni emotive e visive

11. Museo per la memoria di ustica

11.1. 1980 un DC9 parte da bologna con 81 passeggeri che non arriveranno mai a destinazione

11.1.1. 2500pezzi a 3600metri di profondità

11.1.1.1. i resti del disastro sono stati raccolti nell'hangar di Pratica di Mare.

11.2. vicenda giudiziaria infinita ma sembra che un missile sia esploso in prossimità dell'aereo

11.3. Christian Boltanski

11.3.1. artista interessato alla dimensione evocativa del ricordo

11.3.2. installazione emozionante

11.3.2.1. i resti vengono sistemati su una rete metallica per ridare forma al veivolo

11.3.2.2. 81 specchi neri che riflettono le figure dei visitatori

11.3.2.2.1. una voce, un respiro debole e commuovente dietro ad ogni specchio

11.3.2.3. 81 luci sul soffitto che si smorzano senza però mai spegnersi

11.3.2.4. gli oggetti non vengono mostrati al pubblico perchè avrebbero un impatto troppo forte

12. Arne Quinze

12.1. L'uomo non può sopravvivere da solo troviamo rifugo l'uno nell'altro

12.1.1. Con le mie opere spero di spingere le persone ad interagire e riportarle alla loro natura

12.2. Mutagenesis - Esposizione

12.2.1. Architetture trasmutanti Veicoli e habitat essenziali

12.2.1.1. Mezzi di trasporto

12.2.1.1.1. Galactic transporter

12.2.1.1.2. Magna

12.2.1.1.3. Skytracer

12.2.1.2. Sculture

12.2.1.2.1. Cityscape

12.2.1.3. Spazi da vivere

12.2.1.3.1. Pod

12.2.1.3.2. Experience Truck

12.2.1.3.3. Walking light houses

12.2.1.3.4. Slit houses

12.2.1.4. Altro

12.2.1.4.1. Uchronia

12.2.1.4.2. Oblivion

12.2.1.4.3. Le voyeur

12.2.2. Valutazione ecologica dei progetti

12.3. Vita

12.3.1. Nasce nel 1971

12.3.2. '99 fonda Quinze & Milan

12.3.3. Prouove il lavoro di designer e architetti

12.3.4. Entra nel campo della moda - concept per il marchio Onitsuka Tiger e ha disegnato le sneaker Flugs

12.3.5. Oltre all'esposizione Mutagenesis crea altri progetti

12.3.5.1. Dreamsaver - svarovski

12.3.5.2. By the pool

12.3.5.3. Quartz

13. Jakub Nepras

13.1. vita

13.1.1. Nasce a Praga - 1981

13.1.2. premiato a bologna con il riconoscimento "Euromobil"

13.2. panorama artistico internazionale

13.2.1. oscillazione tra reale e virtuale

13.2.1.1. eventi performativi

13.2.1.2. opere multimediali

13.2.1.2.1. Babylon plant

13.2.1.2.2. Brainstorming

13.2.1.2.3. Emental

13.2.1.2.4. Generator P730

13.2.1.2.5. Holmen

13.2.1.2.6. Shadows

13.2.1.2.7. Time crust

13.2.1.3. urban design

13.2.1.3.1. Swimmers in the subway

13.3. tematiche di grande attualità

13.3.1. relazioni tra natura e città

13.3.2. Microcosmo e macrocosmo

13.3.2.1. universi affollati e in movimento

14. Loop Design

14.1. studio londinese diretto da Wingfield e Gmachl

14.2. stabilisce relazioni con l'ambito delle scienze naturali

14.2.1. punto di vista ambientale

14.2.1.1. tengono conto delle dinamiche energetiche

14.2.1.2. osservazione della natura

14.2.2. ridefinizione del valore degli oggetti

14.2.2.1. ripensare gli oggetti di uso quotidiano in una nuova dimensione

14.2.3. sperimentazione nuove tecnologie e design

14.2.3.1. adeguamento ai cambiamenti tecnologici

14.2.3.2. esplorano l'interattività

14.2.4. riflettono sul ruolo e sulle future responsabilità della progettazione

14.3. Sonumbra

14.4. Metabolic Media

14.5. Digital Dawn

14.6. Weather Patterns

14.7. Temporal Light

14.8. Wall with ears

14.9. Light sleeper

14.10. Light sleeper bedding

14.11. Wall therapy

14.12. Bio wall

15. Graffiti di luce, GRL

15.1. Città è lo scenario dell'immaginario del futuribile

15.1.1. Jules Verne - Romanzo

15.1.1.1. prefigurava l'invasione tecnologica

15.1.2. Fritz Lang - Metropolis

15.1.3. Architetti futuristi

15.1.4. Dilatazione dello spazio urbano fino a diventare sempre più privo d'identità

15.2. Città vista come funzionale ma anche espressiva

15.2.1. L'uomo si relaziona al contesto della città secondo una serie di variabili percettive

15.2.1.1. Luogo

15.2.1.2. Prospettiva

15.2.1.3. Rapporto figura sfondo

15.2.1.4. Ambiguità

15.2.1.5. Aspetti simbolici

15.2.1.6. Interazioni

15.2.2. Luogo di sperimentazioni Vasto pubblico

15.2.2.1. Architettonici

15.2.2.2. Design

15.2.2.3. Artisti

15.2.2.3.1. Urban Artist

15.2.2.4. Performer

15.3. Graffiti Research Lab

15.3.1. Nomi emergenti nella scena internazionale

15.3.2. nuovo ambito di sperimentazione

15.3.3. Tematiche pacifiste

15.3.4. fanno loro la frase "I must get up, the fog is rising" è l'ora di andare, di scrivere lettere luminose nel freddo della notte

16. Maarten Baas

16.1. Smoke

16.2. sperimentazioni

16.2.1. immagine filmata

16.2.2. azione performativa

16.2.3. riguardo l'oggetto

16.2.3.1. nuove fisionomie di oggetti d'uso quotidiano

16.3. Real time

16.3.1. In metropolis il quadrante segna il tempo del lavoro. Protagonista obbligato ad assecondarlo.

16.3.2. Un attore trascorre sette ore in uno spazio angusto corredato di oggetti trasformando se se stesso in un orologio vivente.

16.3.2.1. ogni minuto viene riportato a quella condizione di consapevolezza dello svolgimento temporale

16.3.3. il tempo del tempo

16.3.3.1. Sweeper clock

16.3.3.2. Grandfather clock

16.3.3.3. suggestiva preoccupazione di dare forma al tempo ed al suo significato

17. Olafur Eliasson

17.1. Nato a Copenhagen 1967

17.2. Vive a Berlino

17.3. Opere

17.3.1. Double sunset

17.3.2. The blind pavillon

17.3.3. Notion Motion

17.3.4. The weather project

17.4. Tematiche

17.4.1. spazio urbano in relazione alla natura

17.4.2. Natura artificiale di cui riconsiderare gli elementi

17.4.2.1. ricostruire la natura

17.4.3. rapporto colore-ambiente

17.4.3.1. colore è una questione di cultura

17.4.4. la dimensione sociale e politica delle opere è fondamentale

17.4.4.1. uomo come entità sensibile

17.4.4.1.1. sperimentazioni legate al ricordo non solo stimolo sensoriale

17.4.4.1.2. ciò che abbiamo in comune è che siamo diversi

18. Kristellwelten, Museo Swaroski

18.1. raccoglie l'identità storica e la memoria di un'azienda come Swarovski

18.2. nasce nel 1995 - accanto alla fabbrica di Wattens (dove Swarovski iniziò il suo business)

18.3. Ciò che rende il museo interessante è

18.3.1. la sua contemporaneità

18.3.2. la sua apertura verso le sperimentazioni artistiche

18.3.3. il coinvolgimento emozionale che offre

18.3.4. destinato ad un vasto pubblico

18.4. Il gigante

18.5. le Camere delle meraviglie

18.5.1. percorso di installazioni

18.5.1.1. tema della luce

18.5.1.2. carattere multimediale

18.6. Jim Whiting

18.6.1. Mechanical theatre

18.7. Duomo di cristallo

18.8. Brian Eno

18.8.1. il fuggiasco dell'arte

18.9. Oliver Ischitz

18.9.1. Il passo di ghiaccio

18.10. Paul Seide

18.10.1. Cristallocalligrafia

18.11. Poseidons Puzzle

18.12. Riflessi

18.13. Leviathan

18.14. Fabrizio Plessi

18.14.1. Foresta di cristallo

19. Passaggi

19.1. Tecnologia permette di rielaborare informazioni in tempo reale

19.2. Knowbotic research

19.2.1. sviluppo di interfacce sperimentali tra tecnologie digitali e processi sociali

19.3. Peter Sandibichler

19.3.1. Passage

19.3.1.1. Innsbruck

19.3.1.2. superficie vetrata con una griglia di 960 punti luminosi

19.3.1.3. rilevatori di luce

19.3.1.3.1. dat restituiti sotto forma di proiezione multimediale

19.3.1.3.2. creative casualità che seguono il variar del sole

19.3.2. PArtecipato ad alcuni progetti Knowbotic

19.4. Alberto Garutti

19.4.1. MAXXI - Roma

19.4.1.1. In una stanza del museo le luci vibreranno ogni volta che un fulmine cadrà in Italia

19.4.2. interventi che interpretano il senso di appartenenza ad un luogo

19.4.2.1. relazione affettiva con luoghi e individui legati ai luoghi

19.4.3. Arte nell'arte

19.5. Feed Back Space