LA SECONDA META' DEL 1800

La seconda metà del 1800

Iniziamo. È gratuito!
o registrati con il tuo indirizzo email
Rocket clouds
LA SECONDA META' DEL 1800 da Mind Map: LA SECONDA META' DEL 1800

1. IL POSITIVISMO

1.1. La visione sentimentale e romantica tipica della prima metà del 1800 viene superata grazie all'approccio scientifico ed all'avvicinamento alla ragione

1.2. Un rilievo centrale assunse l’evoluzionismo, formulato da Charles Darwin, il quale affermò che le specie subiscono variazioni a livello individuale: tra i tratti nuovi che compaiono tra gli individui di una stessa specie, alcuni vengono selezionati e trasmessi ereditariamente, dando origine a una specie diversa.

1.3. Il filosofo francese Auguste Comte utilizzò “positivo” per designare una fase evolutiva della storia dell’umanità arrivata allo stadio scientifico

2. IL NATURALISMO

2.1. è una corrente letteraria francese che si sviluppa in questi anni il cui massimo esponente è Emile Zola. Gli scrittori naturalisti applicano al romanzo i principi del Positivismo: il romanzo deve essere un documento oggettivo della realtà e quindi rappresentare con rigore scientifico tutte le classi sociali, anche quelle più umili.

3. VERISMO

3.1. E' una corrente letteraria italiana che ha il suo maggiore rappresentante in Giovanni Verga e si fonda sulla volontà di rappresentare il vero. I personaggi appartengono a classi sociali umili ed ignoranti. Per rappresentare la realtà in modo oggettivo, lo scrittore deve "tirarsi indietro", eliminare ogni suo intervento, ogni giudizio personale.

3.2. veristi vivono e scrivono in una società ancora arretrata, dove le plebi sono rassegnate, la borghesia e l'aristocrazia sono chiuse nel loro mondo e sorde alle questioni sociali. I problemi trattati, infine, hanno un carattere locale, meridionale, dialettale e non coinvolgono l'intera nazione.