Le province dell' impero

Iniziamo. È gratuito!
o registrati con il tuo indirizzo email
Le province dell' impero da Mind Map: Le province dell' impero

1. Roma riteneva la Spagna vitale per le sue miniere d' argento, oro, piombo, ferro ecc. Il piombo in particolare veniva esportato in quantità enormi, quanto al ferro una parte di esso veniva lavorata da artigiani locali.

2. La popolazione

2.1. L' ibearia romana comprendeva Spagna e Portogallo. L' interno era abitata da popolazioni certiche, come i Lusitani

3. La Grecia incuriosiva molti Romani divenne una meta turistica che i più colti non mancavano di visitare per motivi di studio. Sparta per esempio era una meta obbligata per il viaggiatore medio altri luoghi altri luoghi frequentatissimi erano: • il santuario di Delfi; • il teatro di Epidauro; • gli impianti di Olimpia.

4. L'Africa

4.1. Antiche province e stati moderni

4.1.1. I romani dividono l' Africa in quattro province: Mauretania, Numidia, Africa proconsolare, Cirenaica esse costituivano parte degli stati attuali Marocco, Tunisia, Algeria, Libia.

4.2. Montagne e campi di grano

4.2.1. Il grande affare delle bestie feroci

4.2.2. Le pianure godevano di una fertilità leggendaria ed erano considerate "il grano di Roma" perché invitavano nella capitale mezzo milione di tonnellate di frumento all' anno

4.2.2.1. Tra questi ultimi più ricchi erano quelli che organizzavano battute di caccia nel deserto o nelle foreste per catturare bestie feroci, le bestie venivano fatte combattere le une contro le altre oppure contro i gladiatori nel corso di spettacoli chiamate "cacce"

4.3. Le classi sociali

4.3.1. La maggioranza era costituita da poveri, che pur conducendo una vita precaria trovavano però a volte nelle pieghe della vivacissima economia romana. Fra queste due categorie si collocava quella degli artigiani e dei mercanti.

4.4. Leptis Magna, un gioiello da visitare

4.4.1. In Africa i romani costruirono strade e acquedotti e fondarono decine di grandi città fra tutte emerse Leptis Magna un'antica città punica sulle coste dell' attuale Libia

5. L'Egitto

5.1. Dall' Egitto all'India

5.1.1. Possedere l' Egitto era ritenuto fondamentale per due motivi: • l'insieme delle province d' Africa, riforniva Roma di grano; • dai suoi porti sul mar rosso si poteva arrivare via mare in India e li ottenere prodotti non solo indiani, ma anche cinesi.

5.2. Lungo la costa africana si espandeva l' Egitto. Governare l Egitto era difficile per due ragioni: • la conformazione geograifca • il carattere degli Egizi

6. L' Iberia

6.1. I successi dell'amministrazione romana

6.2. Gli schiavi delle miniere

6.2.1. Come sempre nella società romana i costi di questo benessere ricevevano totalmente sugli schiavi. In Spagna era concentrata la stragrande maggioranza degli schiavi che erano destinati tutti ad una morte precoce.

6.2.1.1. I romani misero piede sulle coste africane e vi trovarono nuove popolazioni. Tra il VII e il IX secolo d.C. tutta l' Africa viene conquistata dagli arabi che diedero alla popolazione il nome di Bèrberi "barbari".

7. La Gallia e la Britannia

7.1. I Galli fra attrazione e ribellione

7.1.1. La Gallia e la Britannia erano abitate da tribù celtiche: Galli e i Brittanni. In alcune occasioni il loro senso di indipendenza riesplose dando luogo a rivolte anche sanguinose e brutali che avvennero soprattutto per due motivi: • l' insofferenza per le tasse imposte da Roma; • l' odio verso i veterani ai quali la legge concedeva di confiscare le terre dei principali e di stabilirvisi per coltivarle.

7.1.2. Insegnamenti preziosi per i romani

7.1.2.1. La Gallia aveva un ruolo molto fertile perché in gran parte pianeggiante. Prima dei romani i Galli coltivavano i cereali in modo primitivo, inoltre acclimatarono nelle zone mediterranee l olivo e in quelle vicine al Reno la vite

7.1.3. Grandi artigiani

7.1.3.1. Essi erano abilissimi falegnami e in particolare costruirono i carri; ma erano anche argentieri , bronzisti, orafi e ceramisti. Sotto il dominio di Roma incrementarono anche le manifatture tessili.

7.1.4. L'importanza sei fiumi

7.1.4.1. La fortuna dei prodotti della Gallia fu dovuta alla loro qualità, ma anche al loro basso prezzo. Sul commercio incidevano pesantemente i costi dei trasporti ma grazie ai fiumi e ai canali avevano costi molto inferiori a quelli di chi era costretto a percorrere vie terrestri

8. La Grecia

8.1. Un paese per turisti

8.2. L' accademia di Atene

8.2.1. Atene oltre che meta turistica, era famosa anche per le sua accademia dove i giovani romani di buona famiglia trascorrevano uno o due anni frequentando i corsi di filosofia, arte oratoria, letteratura greca, diritto romano.

9. L' oriente

9.1. Le province dell' impero erano costituite dell'insieme delle regioni che si esetndevano dal Mar Nero al Mar Rosso. La collocazione geografica ne faceva un vero e proprio ponte tra Oriente e Occidente. L' Oriente romana contava più di 500 grandi città raggruppate soprattutto lungo le fertili fasce costiere occidentali e meridionali. La città più importante era Efeso.