Economia aziendale

Iniziamo. È gratuito!
o registrati con il tuo indirizzo email
Economia aziendale da Mind Map: Economia aziendale

1. Clausola generale, principi di redazione, criteri di valutazione secondo l'art. 2423 C.c.

2. L'azienda come sistema

2.1. Nozione di azienda

2.1.1. "L'azienda è una coordinazione economica in atto, istituita e retta dall'uomo per il soddisfacimento dei bisogni umani" Zappa

2.1.2. Prodotto umano e sociale

2.1.3. Sistema di operazioni svolto con continuità nel tempo e nello spazio, per il soddisfacimento dei bisogni

2.1.3.1. Sviluppo di competenze, teamwork, continuità di produzione, attività di coordinamento, professionalità

2.1.4. Principio di economicità dei beni

2.1.4.1. Diritto alla proprietà privata

2.1.5. Azienda come "funzione di produzione" secondo la teoria classica e come "un complesso di attività economiche" secondo la teoria moderna

2.1.6. La condizione di durabilità dell'azienda dipende da due fattori di efficienza: interna ed esterna

2.1.6.1. Funzionamento del marcato secondo la mano invisibile di Adam Smith

2.1.6.1.1. Inefficienza del mercato dovuta a asimmetrie, condizioni "oggettive" di contesto, elementi psicologici

2.1.6.1.2. Meccanismi di funzionamento del mercato: moneta di conto, sistema dei prezzi, scambi commerciali

2.2. Soggetto economico, giuridico, stakeholders

2.3. Cos'è un sistema

2.3.1. Approccio sistemico: top down - bottom up

2.4. Sistema complesso

2.4.1. L'azienda complessa e i limiti di razionalità umana

2.4.1.1. L'azienda imprenditoriale

2.4.1.2. L'azienda manageriale

2.4.1.2.1. Descrizione e struttura

2.4.1.2.2. Ruoli di governo e alta direzione (top management) - coordinamento generale

2.4.1.2.3. Ruoli intermedi (middle management) - professionisti alla quale vengono affidati funzioni di tipo specialistico e ambiti di tipo generalistico su iniziative predefinite (progect e product manager)

2.4.1.2.4. La delega (decentramento decisionale)

2.4.1.2.5. La gestione delle complessità: le funzioni aziendali operative e caratteristiche

2.5. L'azienda come sistema socio-tecnico

2.6. Sistema aperto

2.6.1. Necessita di meccanismi di autoregolazione poiché assoggettabile a stimoli e turbative dall'esterno

2.6.1.1. Stimolo - risposta

2.6.1.2. Feed - back

2.6.1.3. Feed - forward

2.7. Sistema finalistico

2.8. Sistema dinamico

2.8.1. L'azienda è un flusso (divenire), si riferisce cioè ad un certo periodo di tempo, e non in un istante

2.8.2. Il funzionamento ottimale è dato da un equilibrio dinamico

2.8.2.1. Esempio della cascata

2.9. Sistema probabilistico

2.9.1. Molteplicità delle relazioni causa - effetto

2.10. Sistema cibernetico

2.10.1. In grado di auto generare/correggere le proprie condizioni di vita

3. Il controllo di gestione

3.1. Il controllo per la direzione

3.1.1. Nozione di controllo direzionale, funzioni e scopi

3.1.2. Gli attori del controllo direzionale: management intermedio

3.1.3. Il sistema di controllo: struttura organizzativa, struttura informativa, stile di direzione, processi di controllo

3.1.4. La funzione del controller

3.2. Sistema informativo per la direzione

3.2.1. Il sistema di contabilità per la direzione

3.2.2. La contabilità analitica

3.2.3. Programmazione e bugeting

3.2.4. Reporting per la direzione tramite il controller

3.2.5. Balanced Scorecard

3.3. Il bilancio d'esercizio

3.3.1. Nozione di bilancio, tipologie

3.3.2. Finalità e destinatari

3.3.3. Lo stato patrimoniale

3.3.3.1. Elementi dell'attivo

3.3.3.2. Elementi del passivo

3.3.3.3. Le parti del capitale netto

3.3.3.4. Schema di stato patrimoniale secondo il C.C.

3.3.3.5. Stato patrimoniale riclassificato secondo liquidità/esigibilità

3.3.3.6. Stato patrimoniale nella struttura a capitale investito netto

3.3.4. Il conto economico

3.3.4.1. Componenti positivi di reddito

3.3.4.2. Componenti negativi di reddito

3.3.4.3. Schema di conto economico secondo Zappa

3.3.4.4. Conto economico riclassificato a valore aggiunto (struttura tedesca)

3.3.4.5. Conto economico riclassificato secondo la tradizione anglosassone (per funzioni)

3.3.5. Il rendiconto finanziario

3.3.5.1. Flussi aumentativi del capitale circolante netto (fonti)

3.3.5.2. Flussi diminutivi del capitale circolante netto (impieghi)

3.3.5.3. Rendiconto finanziario a sezioni contrapposte o scalare

3.3.6. Nota integrativa

3.3.7. Allegati obbligatori

3.3.7.1. Relazione sulla gestione

3.3.7.2. Relazione del collegio sindacale

3.3.7.3. Relazione dell'organo di controllo contabile

3.3.7.4. In caso di società controllate: copie integrali dell'ultimo bilancio e prospetto riepilogativo dei dati essenziali dell'ultimo bilancio delle società collegate

3.3.8. Informazioni complementari

3.3.8.1. Bilanci riclassificati

3.3.8.2. Quozienti di bilancio

3.3.8.3. Dati statistico-aziendali

3.3.8.4. Profili qualitativi dell'azienda

4. Equilibrio generale dell'azienda

4.1. Nozione di equilibrio

4.1.1. Principio delle condizioni prospettiche di equilibrio (Aldo Amaduzzi)

4.1.2. Principio dei profili qualitativi dell'azienda

4.1.3. Principio della funzione autorigeneratrice (continuità operativa)

4.2. La perdita di equilibrio

4.3. Condizione finanziaria di equilibrio

4.3.1. I circuiti operativi e il fondo di mezzi finanziari

4.3.1.1. Circuito operativo del capitale proprio (apporti e dividendi)

4.3.1.2. Circuito della gestione corrente (approvvigionamento e realizzi)

4.3.1.3. Circuito degli investimenti (acquisizioni durevoli e dismissioni)

4.3.2. Struttura del flusso della gestione corrente (Componenti negativi: costi monetari; componenti positivi: ricavi, proventi, interessi, rimanenze)

4.3.3. Utile netto + Ammortamento + Accantonamento TFR = FLUSSO GENERATO DALLA GESTIONE CORRENTE

4.3.3.1. Circuito operativo del capitale di credito (prestiti . rimborsi/interessi)

4.3.4. Il ciclo monetario dell'impresa commerciale (produzione - finanziamenti)

4.3.5. Il ciclo monetario dell'impresa industriale

4.3.6. Dinamica delle entrate e delle uscite

4.3.7. Autofinanziamento LATO SENSU

4.4. Condizione economica di equilibrio

4.4.1. Nozione di reddito totale e reddito d'esercizio

4.4.1.1. Comunanza spaziale e temporale

4.4.1.2. Autofinanziamento STRICTO SENSU

4.4.2. C+ α=R

4.4.3. Interpretazione del reddito

4.4.4. Struttura: componenti positivi e negativi

4.4.5. L'equazione del reddito Cn+U=Cp

4.4.6. Rappresentazione grafica del conto economico

4.5. Condizione patrimoniale di equilibrio

4.5.1. Nozione di patrimonio e capitale

4.5.1.1. Principio di strumentalità complementare dei beni

4.5.2. L'attivazione del capitale - risparmio e il suo movimento verso scopi produttivi

4.5.3. L'equazione patrimoniale A=P+N, N>0

4.5.4. Rappresentazione grafica dell'equilibrio patrimoniale

4.5.5. CCN, MS, Rapporto di indebitamento

4.5.6. Esempio di situazione patrimoniale in disequilibrio

5. La governance e il controllo