Uno sguardo sul '900 di Gabriele Romeo

Iniziamo. È gratuito!
o registrati con il tuo indirizzo email
Rocket clouds
Uno sguardo sul '900 di Gabriele Romeo da Mind Map: Uno sguardo sul '900 di Gabriele Romeo

1. ARTE

1.1. Picasso

1.1.1. Pablo Diego José Francisco de Paula Juan Nepomuceno María de los Remedios Cipriano de la Santisima Trinidàd Ruiz y Annibali Picasso, semplicemente noto come Pablo Picasso (Málaga, 25 ottobre 1881 – Mougins, 8 aprile 1973) è stato un pittore, scultore e litografo spagnolo di fama mondiale, considerato uno dei maestri della pittura del XX secolo. Usava dire agli amici di considerarsi «anche un poeta». Picasso è figlio di María Picasso López e di José Ruiz Blasco, anch'egli pittore ed insegnante. Durante la seconda guerra mondiale Picasso rimase nella Parigi occupata dai tedeschi. Il regime nazista disapprovava il suo stile, pertanto non gli fu permesso di esporre. Riuscì inoltre ad evitare il divieto di realizzare sculture in bronzo, imposto dai nazisti per economizzare il metallo. Uno dei più famosi lavori di Picasso è "Guernica", tela dedicata al bombardamento della cittadina basca di Guernica ad opera dei tedeschi, in cui sono rappresentate la disumanità,la brutalità e la disperazione della guerra.

2. INGLESE

2.1. New York

2.1.1. New York, in italiano anche Nuova York, è una città degli Stati Uniti d'America di circa 8 milioni di abitanti. Situata nello Stato omonimo, è la città più popolosa degli Stati Uniti, nonché uno dei centri economici e culturali più influenti del continente americano e del mondo intero. Il simbolo della città è la Statua della Libertà. New York è da sempre stata il centro dell'economia mondiale ma negli anni 20/30 scoppiò la grande depressione che arrstò la sua crescita vertiginosa. La città di New York riemerse per merito ed a causa della seconda guerra mondiale che ribadì il suo ruolo di "capitale del mondo", sede della borsa valori più importante del pianeta e sede delle maggiori organizzazioni internazionali.

3. TECNOLOGIA

3.1. Energia Nucleare

3.1.1. La prima persona che intuì la possibilità di ricavare energia dal nucleo dell'atomo fu lo scienziato Albert Einstein nel 1905. In seguito gli sviluppi scientifici della fisica nucleare nella prima metà del XX secolo hanno portato alla realizzazione del primo reattore sperimentale-dimostrativo funzionante da parte di Enrico Fermi negli USA il 2 dicembre del 1942

4. SCIENZE

4.1. Malattie Genetiche

4.1.1. Le radiazioni ionizzanti (p. es., raggi x, neutroni, protoni, particelle a o b, raggi g) possono provocare un danno tissutale in maniera diretta o, tramite reazioni secondarie, indiretta. Alte dosi di radiazioni possono provocare effetti somatici, osservabili nell'arco di qualche giorno. Negli anni successivi, le mutazioni verificatesi a livello del DNA, per esposizioni a basse dosi, possono provocare patologie croniche nei soggetti esposti o difetti genetici nella loro progenie. La valutazione dei rapporti tra il livello di lesioni provocate e la morte o la sopravvivenza di una singola cellula è complessa.

5. GEOGRAFIA

5.1. Stati Uniti

5.1.1. Gli Stati Uniti sono uno stato composto da una federazione di stati. Superpotenza mondiale al pari di Russia, Cina. Gli Stati Uniti sono tra i primi produttori di petrolio. Sono stati i pionieri nel campo della energia nucleare e nell'esplorazione dello spazio.

6. STORIA

6.1. Seconda Guerra Mondiale

6.1.1. La seconda guerra mondiale è il conflitto che tra il 1939 e il 1945 vide confrontarsi da un lato le potenze dell'Asse e dall'altro i paesi alleati. Viene definito «mondiale» in quanto, così come già accaduto per la Grande Guerra, vi parteciparono nazioni di tutti i continenti e le operazioni belliche interessarono gran parte del pianeta. Iniziò il 1º settembre 1939 con l'invasione della Polonia da parte della Germania; terminò, nel teatro europeo, l'8 maggio 1945 con la resa tedesca e, nel teatro asiatico, il successivo 2 settembre con la resa dell'Impero giapponese a seguito dei bombardamenti atomici di Hiroshima e Nagasaki da parte degli Stati Uniti

7. MUSICA

7.1. Wagner

7.1.1. Il Terzo Reich iniziò a celebrarsi liturgicamente sull’opera wagneriana al Teatro di Bayreuth, che divenne in breve tempo il Tempio del Nazismo. Il Festival di Bayreuth divenne la celebrazione del genocidio e la glorificazione di Hitler, che lo finanziava ampiamente e senza dovizia di mezzi. La follia hitleriana si fondeva molto bene con l’assoluto musicale che aveva creato Wagner. L’idea di melodia infinita nella partitura del Tristan und Isold e la fondazione mitologica della lingua tedesca della Tetralogia si sposava bene come epica universale del nuovo impero nascente; il fanatismo di Winifred fu il nodo essenziale che legò indissolubilmente Wagner al Nazismo.

8. ITALIANO

8.1. Quasmodo

8.1.1. Salvatore Quasimodo nacque a Modica, in provincia di Ragusa, da Gaetano Quasimodo (capostazione) e Clotilde Ragusa. La prima raccolta di Quasimodo, Acque e terre (1930), è incentrata sul tema della sua terra natale, la Sicilia, che l'autore lasciò già nel 1919: l'isola diviene l'emblema di una felicità perduta cui si contrappone l’asprezza della condizione presente, dell’esilio in cui il poeta è costretto a vivere (così in una delle liriche più celebri del libro, Vento a Tindari). Dalla rievocazione del tempo passato emerge spesso un’angoscia esistenziale che, nella forzata lontananza, si fa sentire in tutta la sua pena. Questa condizione di dolore insopprimibile assume particolare rilievo quando il ricordo è legato ad una figura femminile, come nella poesia Antico inverno. Se in questa prima raccolta Quasimodo appare legato a modelli abbastanza riconoscibili (soprattutto D'Annunzio, del quale viene ripresa la tendenza all’identificazione con la natura), in Oboe sommerso (1932) ed Erato e Apollion (1936) il poeta raggiunge la piena e personale maturità espressiva.

9. SPAGNOLO

9.1. Pablo Neruda