Anthony De Mello Istruzione di volo per aquile e pollilal

Iniziamo. È gratuito!
o registrati con il tuo indirizzo email
Rocket clouds
Anthony De Mello Istruzione di volo per aquile e pollilal da Mind Map: Anthony De Mello  Istruzione di volo per aquile e pollilal

1. Stima, successo, approvazione,popolarità = DROGA

1.1. Critiche, dispezzamenti = ASTINENZA

2. Esprimo i miei sentimenti, senza conferire un importanza esagerata al fatto che trovino un accoglienza da parte degli altri oppure no

2.1. Non è necessario piacere o ricevere approvazione da tutti o da qual'cuno

2.1.1. Non temo il giudizio altrui, riferimento interno

2.1.1.1. Voglio essere libero non temo nessuno

2.1.1.1.1. Sono felice a prescindere dalla realizzazione dei mie desideri, dipendenze, timori...rif interno

2.1.1.1.2. Non ho bisogno di approvazione altrui, rif. interno

3. Dalle relzioni con gli altri posso capire se sono presesemte nel qui e ora o da un immagine precostituita

4. Filtri della mente : paure, desideri, relazioni, convinzioni,abitudini, condizionamenti

4.1. Si tende a cercare o creare riferimenti che confermino le nostre convinzioni

4.2. Si tende a ragionare valutando se questo è buono o cattivo, giusto o sbagliato

4.2.1. In realtà non esiste ne uno ne l'altro

4.3. Con la coscenza prendiamo consapevolezza : 1) essere a conoscenza dell'esistenza dei filtri. 2) sapere quando si reagisce all'immagine della coscenza o alla realtà. 3) il filtro è passaeggero e cambia. 4) rendersi consapevoli che il filtro è inadeguato perchè transitorio. 5) i filtri non sono io

4.4. Il MIO è un illusione dell'uomo, è attaccamento !

5. La sofferenza ha una causa

6. Per eliminare la sofferenza bisogna capire la causa Budda

6.1. Avremmo il nirvana la libertà

6.2. La causa è il pensiero, l'elaborazione dei pensieri

6.3. Giudizzi, valutazioni

6.4. Consapevolezza dei pensieri

7. Fare morire il mio bisogno degli altri

7.1. Nessun bisogno di difesa, nesuna scusa, nessuna spiegazione, non devo gare colpo ad alcuno

7.1.1. Spiritualità significa : essere svegli, staccarsi dalle illusioni, crescita personale

8. Paura del giudizio altrui

9. Amore

9.1. La mia trasformazione è focalizzata su ciò che voglio essere piuttosto che cosa voglio fare

9.2. I buoni comportamenti sono preghiera

9.3. Condannare il peccato non il peccatore

9.4. Per scoprirlo : sganciarsi dalle propie paure, attaccamenti, illusioni

9.5. Amore significa chiarezza di percezione e precisione di risposta.

9.5.1. L'errore è di non vedere te ma l'immagine che mi sono fatto di te, dall'esperienza avuta con te, dalle aspettative

9.6. L'amore non giudica, non è una relazione ; è uno stato dell'essere, non ha desideri,pretese,, non baratta, non giudica,non ha angosce negative. L'amore semplicemente è presente , vede e agisce

9.7. Amare significa essere felici anche senza di loro; senza paura di far loro del male; senza puntare a impresionarli; senza temere che possono smettere di volermi bene e quindi mi abbandoninonon colmare il mio vuoto con gli altri, chiamando amore. Tanto più amo gli altri, tanto più posso fare senza di loro

9.8. La radice del male è dentro di noi

10. Silenzio / meditazione

10.1. Trovo Dio

10.2. Cos'è ?

10.2.1. Non si sa !

10.3. Meditare significa osservare tutto ciò che si trova nei filtri della propria coscenza, vedere riconoscere essere consapevoli che tutto è transitorio e libero dall'io

10.3.1. Fede : Tutto è perfetto cosi come é

10.3.2. Dio controlla tutto, la sua volontà si compie, indipendentemente dalle nostre azioni e dai nostri pensieri, questa è la religione.

10.3.2.1. Ripulire il cuore, la mente rimuovere le impurità, gli attaccamenti e le avversioni, consapevolizzarsi di ciò che ritengo buono o cattivo, giusto o sbagliato

10.4. La mditazione non è attaccamento, identificazione e possesso

11. Acutezza sensoriale 5 sensi consapevolezza

11.1. Ascoltare vedere con il cuore

11.2. Mantra...

12. Felicità Pace interiore nonostante...

12.1. Tante discusioni nella mia viata

12.1.1. Ma nessun ramcore ne amarezza ne odio

12.1.1.1. Consapevolezza

12.1.1.1.1. Vivere il presente

12.1.1.2. Fede Tutto è perfetto cosi come é

12.2. Tanto dolore nella mia vita

12.2.1. Nessun disordine nella mia coscienza

12.2.1.1. Consapevolezza

12.2.1.1.1. Vivere il presente

12.2.1.1.2. Rilassamento fisico

12.3. Ci sono 1000 cose da fare nella mia vita

12.3.1. Nessuno squilibrio nessuna tensione

12.3.1.1. Consapevolezza

12.3.1.1.1. Rilassamento fisico

12.3.1.1.2. Vivere il presente

12.3.1.1.3. Consapevolezza delle mie reazioni della giornata, delle mie convinzioni...

12.3.1.1.4. Su cosa sono focalizzato ? Ieri domani o adesso ?

12.3.2. Obiettivi

12.3.2.1. Distacco, la mia felicità non dipende dal risultato

12.3.2.1.1. No attaccamento positivo e no

12.3.2.1.2. Distacco dal passato

12.3.2.2. Essere felice, amore, salute, intelligenza

12.3.2.2.1. Gratitudine per quel che ho per quel che mi succede

12.3.2.3. Focus sulle prioritá

12.3.2.4. Imparare sperimentando imparare dalle esperienze vissute

12.3.3. Distinzione tra sentimenti del mondo :vincere una gara, una discussionee, raggiungere un obiettivo; sentimenti dell'anima dello spirito :svolgo un lavoro che mi piace, un hobby, leggere un libro, guardae un film, apprezzare la natura, stare in compagni

12.3.3.1. Sentimenti del mondo : inventato dall'uomo per poterci controllare si può guadagnare il mondo ma anche perdere l'anima;

12.3.3.2. L'unico bisogno è quello di amare, questa è vera trasformazione

12.4. La vera felicità non ha cause

12.5. Cosa fare per essere felice ? Nulla, staccarmi dalle cose ! Dall'illisione !

12.5.1. L'infelicità e dovuta da quello che si aggiunge, la salute non è una cosa è l'assenza di malattia

12.5.2. Qundo l'occhio è libero,vediamo; quando l'orecchio non è otturato, sentiamo; quando il palato è pulito, assaporiamo.QUANDO LA MENTE È SGOMBRA DA IDEE DISTORTE ABBIAMO IN DONO LA SAPIENZA E LA FELICITÀ. Liberandomi dall'illusione sarò felice !

12.5.2.1. Prendere consapevolezza delle mie illusioni, focalizzarsi qui e ora

13. Perdono

13.1. Dio dimentica i peccati

14. Le catene interne

14.1. 1 Esperienze del passato

14.1.1. Parlarne a Dio

14.2. 2 Esperienze positive del passato = nostalgia

14.3. 3 la paura e l'angoscia del futuro

14.3.1. Pensare al peggio cosa può succedermi, immaginare il meglio, prepararmi per il peggio

14.4. 4 Essere schiavi dell'ambizione

14.4.1. Parlare con la paura

14.5. 5 L'attaccamento delle cose presenti

14.6. 6 Accettazione della morte

14.7. 7 Non identificarsi con i comportamenti emozioni...io non sono i miei sentimenti !

15. La vita non è difficile sono gli uomini a renderla tale

16. La realtá è il significato che do a essa, è soggettiva

16.1. La reazione agli eventi dipende dal significato che si danno a essi

16.1.1. Le mie convinzioni influenzano la mia realtà soggettiva, i mie condizionamenti dipendono da questi,

16.1.1.1. È bene rendermi consapevole delle mie convinzioni potenzianti e depotenzianti in modo di sostituirle con pensieri più costruttivvi, produttivi

16.1.1.2. Nella natura non ci sono ricompense o castighi, solo conseguenze. Bisogna solo crescere e afforntarle.

16.2. Se qualcuno mi fa arrabbiare, ripsecchia i miei limiti, è da qui che deve iniziare la mia comprensione

16.2.1. Nessuno e nessuna cosa può farmi del male se non sono io a dargli il permesso

17. La vita è quella cosa che ci succede mentre siamo impegnati a fare altri progetti

17.1. Controllo totale

18. Le persone normali vivono per le norme, la persona sana è come un barbaro se è felice lo dimostra come preferisce ma non si adegua alla società.

18.1. Nella foresta soppravvivono gli animali e le forme di vita che sanno muoversi e uccidere

18.1.1. La specie umana non si sarebbe mai sopravvissuta se fosse stata inibita

18.1.1.1. Una forte personalità non si struttura secondo i parametri della logica e del conformismo

18.1.1.1.1. La mia capacità di esprimere le mie emozioni determina se sono SANO o INIBITO

19. Amiamo il passato, anche se morto e risuscitato, curiamo il presente decisivo per la vita

20. Tutti i nostri problemi psicologici nascono perchè non riusciamo a dare voce ai nostri sentimenti

20.1. Sappiamo parlare solo dei nostri problemi, ma non dei nostri sentimenti

20.1.1. Congruenza nel rivelarti il mio problem, condividendo i miei sentimenti, sia nei confronti della persona che del contesto

21. Esercizi

21.1. Le mie paure ansie nelle relazioni

21.2. Quali sono le cose per le quali ho lottato

21.3. Sono consapevole di non farmi condizionare da critiche e eelogi

21.4. Lista delle cose che mi innervosiscono

21.5. I miei desideri/obiettivi hanno lo scopo di farmi crescere come persona, di rendermi la vita un pò più comoda, forse, ma il raggiungimento non deve essere collegato alla mia felicità

21.6. Le mie delusioni, sono solo io a determinarle

21.7. Ti lascio libero di essere te stesso, di avere pensieri propi, di assecondare le tue inclinazioni, di dedicarti ai tuoi Hobby, di vivere la vita come vuoi. Cosi vale per me.

21.8. Non mi innamoro mai di qual'cuno, mi innamoro dell'idea, mi innamoro delle idee che mi sono fatto della persona. Non mi fido mai di qual'cuno mi fido delle idee promettenti che mi sono fatto in merito alla persona

21.9. Qualcuno è interessato a me per ottenere da me ciò che vuole. È normale !. Sono deciso a a non adeguarmi alle esigenze e a deludere le persone se ritengo che sia bene per me.

21.10. Se lo ritengo non ho bisogno di fare colpo sugli altri...non ho bisogno di dare giustificazioni; non mi preoccupo dell'impressione che gli altri possono avere su di me

21.11. Consapevolezza : non vedo le persone per come sono, "ma per come immagino che siano" Non è egoismo vivere come ritengo opportuno ; egoismo è pretendere che gli altri vivvano come io voglio

21.12. Lascio le persone essere quello che sono ; lascio me stesso ad essere quello che sono. Vivo la vita senza interferire.

21.13. Non mi appoggio come sostegno a nessuno, messuno ha potere su di me. Non posso contare su nessuno, che liberazione ! Non ho amici . So godere di tutto !

21.14. Nessuno ha il potere di rendermi triste !tutto dipende da me

21.15. Il problema nelle relazioni con gli altri non dipende da loro ma come interagisco con loro; Il problema sta nelle pretese e nelle mie aspettative verso di loro; ; non ho il diritto di esigere o di aspettarmi qualcosa da loro; se qualcuno ha delle pretese nei miei confronti che mi disturba glie lo dico chiaramente ; Il mondo va bene quando io mi sento bene !

21.16. Ascoltando le parole e o osservando le azioni delle persone vado oltre cercando di capire il bisogno/i che vogliono soddisfare : sicurezza; varietà; amore; importanza; crescita; contributo

21.17. Il significato delle esperienze e o situazioni sono io a darlo, sono io responsabile della mia situazione odierna,in particolare gli ostacoli che impediscono la mia felicità

21.18. Non è quanto abbiamo che ci rende felici ma quanto gustiamo Possiamo essere felici quando non abbiamo paura di perdere qualcosa; divento libero; La felicità sta nel momento presente; Nessun paragone, la felicità non è misurabile,

21.19. Non esistono difficoltà nei confronti degli altri,.Lunica difficoltà sta dentro di me.il problema non sta negli altri ma nel modo che reagisco nei loro confronti.È bene scoprire perchè reagisco cosi.Cosi da rompere con le mie illusioni.

21.20. L'unica causa della mia sofferenza sono le mie illusioni, le mie idee su come gli altri dovrebbero comportarsi nei miei riguardi, credendo che le mie idee sono siano le più corrette. Io non sofro per quello che gli altri fanno, ma perchè pretendo che gli altri si comportino secondo i miei desideri,. Ed essi violano le mie aspettative. Sono le mie aspettative a ferirmi. Se abbasso il livello della mia angoscia ne deriveranno tre meravigliosi vantaggi : 1)Vivrò in pace, 2)le persone continueranno a vivere secondo i loro modelli e questo non mi causerà sofferenza;3)avrò più energia per realizzare ciò che voglio, poichè non sprecherò il mio tempo pretendendo che gli altri vivano secondo i miei progetti.

21.21. Ogni sofferenza è causata da attaccamamento a : aspettative, pretese, speranze, e desideri INCONSCI

21.21.1. Se abbandonerò tali attaccamenti alle aspettative, la sofferenza sparirà. Avrò sollievo sarà come respirare aria pura

21.22. Il migliore esame di coscenza che posso fare è chiedermi : " Come ho vissuto quest'ultima ora ? "

22. Esercizi di meditazione/ Preghiera

22.1. Pag 135 rilassamento senzazioni del corpo

22.2. Pag 136 Respirazione x concentrazione

22.3. Pag 137 ascoltare tutti i suoni dal più vicino al più lontano

22.4. Pag 138 diventare consapevoli dei sensi : respirazione, senzazioni, suoni

22.5. Pag 138 concentrazione dare attenzione a un solo pinto : resporazione, senzazioni o suoni. Se l'attenzione si sposta dirò " adesso sto respirando " "adesso sono arrabbiato" a questo punto delicatamente torno all'oggetto centrale

22.6. Pag 139 stare in silenzio alleno l'intuito collego emisfero dx e sx

22.7. Pag 141 rivivere i momenti dei miei migliori risultati, dei miei successi

22.8. Parlare a Dio di quanto sono grato e dei miei problemi. Ricordarmi che Dio è sempre con me ! Pag 142

22.9. Se sapessi di morire tra due mesi, con chi ne parlerei ? Dove andrei ? Cosa farei ? Scrivere una lettera a una persona a me cara

22.9.1. Le cose più belle della vita sono gratuite

22.10. Ripassare il film del giorno, se mi disdraggo seguire la sua origine. Come ho vissuto l'ultima ora ?

22.11. Immaginare il futuro, dei cambiamenti e di come vorrò viverli