LINEE GUIDA MIUR INTEGRAZIONE SCOLASTICA ALUNNI CON DISABILITA' 04/08/2009 N 4274

Iniziamo. È gratuito!
o registrati con il tuo indirizzo email
Rocket clouds
LINEE GUIDA MIUR INTEGRAZIONE SCOLASTICA ALUNNI CON DISABILITA' 04/08/2009 N 4274 da Mind Map: LINEE GUIDA MIUR INTEGRAZIONE SCOLASTICA ALUNNI CON DISABILITA' 04/08/2009 N 4274

1. AFFERMAZIONE DIRITTI

1.1. DIRITTO ALLA VITA INDIPENDENTE E INCLUSIONE SOCIALE

1.2. DIRITTO A UN SISTEMA DI ISTRUZIONE INCLUSIVO A TUTTI I LIVELLI E UN APPRENDIMENTO CONTINUO LUNGO TUTTO L'ARCO DELLA VITA

1.3. DIRITTO AL LAVORO E ALL'OCCUPAZIONE (A POTERSI MANTENERE CON UN LAVORO SCELTO O ACCETTATO LIBERAMENTE)

1.4. DIRITTO ALLA PARTECIPAZIONE ALLA VITA CULTURALE E RICREATIVA, SVAGHI E SPORT

2. MIUR RIBADISCE PRINCIPI FONDAMENTALI DELLA TOTAL INCLUSION ITALIANA

3. RICHIAMO AL LAVORO COMUNE DI TUTTI I DOCENTI PER L'INCLUSIONE

3.1. PONGONO ACCENTO SU STRATEGIE DIDATTICHE E STRUMENTI

3.2. PROGETTUALITA' DIDATTICA ORIENTATA ALL'INCLUSIONE

3.2.1. ADOZIONE DI STRATEGIE E METODOLOGIE FAVORENTI

3.2.1.1. APPRENDIMENTO COOPERATIVO

3.2.1.2. LAVORO DI GRUPPO E/O A COPPIE

3.2.1.3. TUTORING

3.2.1.4. APPRENDIMENTO PER LA SCOPERTA

3.2.1.5. SUDDIVISIONE DEL TEMPO in tempi

3.2.1.6. UTILIZZO MEDIATORI DIDATTICI. ATTREZZATURE E AUSILI INFORMATICI, SOFTWARE E SUSSIDI SPECIFICI

3.3. METTONO IN EVIDENZA COME FAVORIRE L'INTEGRAZIONE

3.4. INVITANO A FAR RIVERIMENTO ALL'ELABORAZIONE DEL PROGETTO DI VITA PER IL SOGGETTO DISABILE

3.5. INDIVIDUANO NEL PIANO EDUCATIVO INDIVIDUALIZZATO IL MOMENTO CONCRETO IN CUI SI ESERCITA IL DIRITTO ALL'ISTRUZIONE E ALL'EDUCAZIONE DELL'ALUNNO CON DISABILITA'

4. INDICE

4.1. NUOVO SCENARIO E CONTESTO COME RISORSA

4.2. ORGANIZZAZIONE

4.3. DIMENSIONE INCLUSIVA DELLA SCUOLA

5. SCELTE FONDANTI

5.1. RICONFERMA PROCESSO NATO DA L. 517/77 E DEFINITO DA L. 104/92

5.2. RICONOSCIMENTO (RATIFICA) CONVENZ ONU DIRITTI DELLE PERSONE CON DISABILITA' L. 18/2009

5.2.1. LE RATIFICHE VINCOLANO L'ITALIA A EMANARE LEGGI ISPIRATE AI PRINCIPI ESPRESSI NELLA CONVENZIONE

5.2.2. LA CONVENZIONE ONU SUPERA UN APPROCCIO FOCALIZZATO SOLO SUL DEFICIT DELLA PERSONA DISABILE ACCOGLIENDO IL MODELLO SOCIALE DELLA DISABILITA'

5.2.3. INTRODUCE PRINCIPI

5.2.3.1. NON DISCRIMINAZIONE

5.2.3.2. PARITA' DI OPPORTUNITA'

5.2.3.3. AUTONOMIA

5.2.3.4. INDIPENDENZA

5.2.4. OBIETTIVO

5.2.4.1. CONSEGUIRE PIENA INCLUSIONE SOCIALE

5.2.5. DEFINIZIONE DISABILITA'

5.2.5.1. COERENZA MODELLO SOCIALE

5.2.5.1.1. CENTRATA SUI DIRITTI UMANI DELLE PERSONE CON DISABILITA'

5.3. RICONOSCIMENTO / ASSUNZIONE MODELLO BIO PSICO SOCIALE DELLA DISABILITA' ICF

6. LA PROGRAMMAZIONE: I PUNTI FERMI

6.1. COSTRUZIONE CONDIVISA DEL PEI

6.2. RISPETTO PIENO DEL DIRITTO ALLO STUDIO

6.3. LABORATORI CHE ACCOLGONO + ALUNNI CON DISABILITA'

6.4. GRUPPI DI LAVORO ORIENTATI AL PROGETTO DI VITA

6.5. PARTECIPAZIONE DI TUTTI I DOCENTI

6.5.1. CURRICOLARI E DI SOSTEGNO

6.6. CURA DELLA DOCUMENTAZIONE

6.7. CURA DELLA CONTINUITA'

7. LEADERSHIP EDUCATIVA E CULTURA DELL'INTEGRAZIONE

7.1. RUOLO DS RESPONSABILITA'

7.1.1. RESPONSABILE DEI RISULTATI DEL SERVIZIO

7.1.2. DEGLI INTERVENTI PER ASSICURARE QUALITA' DEI PROCESSI FORMATIVI E COLLABORAZIONE RISORSE DEL TERRITORIO

7.1.3. ATTUAZIONE DEL DIRITTO ALL'APPRENDIMENTO DA PARTE DEGLI ALUNNI D.LGS 165/2001

8. PERSONAL ATA E ASSISTENZA DI BASE

8.1. NOTA MIUR 339/01

8.1.1. COLLABORATORE SCOLASTICO

8.1.1.1. PARTE SIGNIFICATIVA DEL PROCESSO INTEGRAZIONE SCOLASTICA ALUNNI DISABILI

8.2. RESPONSABILITA' PREDISPORRE CONDIZIONI SERVIZI QUALITATIVAM IDONEI ESIGENZE

8.2.1. CIASCUNA SCUOLA

8.2.2. DS FUNZIONI AGGENTIVE CONTRATTAZ COLLETTIVA STRUM DI GESTIONE