DIDATTICA ONLINE

Iniziamo. È gratuito!
o registrati con il tuo indirizzo email
Rocket clouds
DIDATTICA ONLINE da Mind Map: DIDATTICA ONLINE

1. tre definizioni

1.1. Definizione debole: didattica che si avvale della Rete in toto o parzialmente nel suo sviluppo

1.2. Definizione complessa: scienza (sperimentale) che si occupa dei metodi e degli strumenti per attuare processi di insegnamento (come attività di mediazione di oggetti simbolico-culturali tra soggetti) che prende corpo totalmente o parzialmente in rete, in spazi formali, non formali (o informali), attraverso la conduzione dell’uomo o la mediazione di una macchina opportunamente programmata a diversi livelli, con lo scopo di sostenere nei discenti l’apprendimento di abilità, conoscenze, atteggiamenti e valori

1.2.1. in questa definizione è lecito riconoscere

1.2.1.1. un ente

1.2.1.2. un oggetto

1.2.1.3. dei soggetti

1.2.1.4. un percorso

1.2.1.5. un'attenzione al contesto

1.2.1.6. uno scopo

1.2.1.7. uno spazio formativo

1.2.1.8. un mediatore

1.3. La terza via prende corpo ed è guidata dalla presa di coscienza del ruolo svolto dalle Rete nella quotidianità delle persone, e della lenta ma continua naturalizzazione dei media nella nostra quotidianità

2. il focus riguarda

2.1. CAMPI DELLA DIDATTICA

2.1.1. si sposta il focus dall'insegnamento all'apprendimento

2.1.1.1. tre tipologie di apprendimento

2.1.1.1.1. FORMALE

2.1.1.1.2. NON FORMALE

2.1.1.1.3. INFORMALE

2.1.1.2. Modello di Conner

2.1.1.2.1. delinea uno schema mettendo sugli assi cartesiani le dicotomie intenzionale-inatteso e formale-informale

2.2. SETTING ONLINE

2.2.1. definizione

2.2.1.1. Garavaglia: spazio definito dal sistema di relazioni e strumenti che prende corpo in Rete con lo scopo di sostenere un apprendimento attraverso un processo didattico, nel quale è possibile riconoscere una dimensione culturale e sociale

2.2.2. può essere suddiviso, in base alle attuali caratteristiche della Rete, in sei diverse forme tipo

2.2.2.1. setting dedicati alla trasmissione della conoscenza asincrona

2.2.2.1.1. si riflette nello schema comunicativo che vede un soggetto emittente, che è una macchina, trasmettere dei contenuti ad un discente

2.2.2.2. setting dedicati al lavoro di gruppo

2.2.2.2.1. tutte le situazioni didattiche che vedono più persone coinvolte in un'attività rientrano all'interno dei setting di lavoro di gruppo online

2.2.2.3. setting dedicati alla didattica sincrona

2.2.2.4. setting dedicati agli approfondimenti informali online

2.2.2.4.1. è possibile identificare un network quando il soggetto che apprende si trova a vivere all'interno di una Rete di relazioni e gli oggetti di conoscenza vengono appresi attraverso lo scambio tra più persone che entrano in contatto diretto o indiretto attraverso altri utenti

2.2.2.5. setting dedicati alla formazione sul campo con device mobili

2.2.2.5.1. definizione

2.2.2.5.2. questo fenomeno si fonda in buona parte sul fatto che le periferiche mobili sono lo strumento tecnologico più diffuso tra le generazioni più giovani

2.2.2.6. setting dedicati all'integrazione della Rete in presenza

2.2.2.6.1. lo schema più semplice fa riferimento al recente movimento conosciuto come one-to-one computing, basato sull'idea che ogni studente debba avere il proprio computer portatile da utilizzare al posto dei tradizionali libri e quaderni o come loro integrazione

2.2.2.6.2. da una parte c'è la classica interazione tra docenti e discenti, dall'altra è possibile attivare in Rete diverse tipologie di comunicazione