Create your own awesome maps

Even on the go

with our free apps for iPhone, iPad and Android

Get Started

Already have an account?
Log In

Amore e il Divino by Mind Map: Amore e il Divino
0.0 stars - 0 reviews range from 0 to 5

Amore e il Divino

Il computer come macchina poetica

Le porte della creatività

Articolo

Jeff Han, How to Make a Cheap Multitouch Pad - MTmini, Perceptive Pixel

Progetto sinestetico itinerante

Synestesinet

Spazi per esistere

fluSSidiverSi

Sinestesia acquatica

Io nel mondo

Questo lavoro raccoglie e mostra parte delle esperienze e dei laboratori dei bambini della classe seconda della Scuola elementare Segantini di Bronzolo in provincia di Bolzano. Il team insegnante ha programmato una attività modulare e scalabile. Ogni bambino è qui protagonista del suo mondo e ha cercato di comunicare le proprie emozioni e il proprio vissuto per condividerlo. L'attività è stata svolta nel laboratorio informatico con il software del progetto FUSS, avvalendosi della consulenza operativa dell'area Nuove tecnologie dell'Istituto pedagogico di Bolzano.

Progetto scolastico

I-Mago: immagini eccellenti

Cadaveri squisiti

Mash-up

Significato originale

Il termine mash-up o mashup (da mash it up) deriva dal creolo giamaicano, e significa distruggere. Impiegato originariamente in ambito musicale per indicare un evento o una performance di alto livello, è stato allargato a tutti gli ambiti musicali, nonché a quello dei videoclip ed a quello informatico, seppure con una diversa accezione. Mash-up (musica) Un tipo di brano musicale composto interamente da parti di altri brani Mash-up (video) Un filmato costruito o editato in audio o video con parti di altri filmati Mash-up (informatica) Un sito o un'applicazione web di tipo ibrido, cioè tale da includere dinamicamente informazioni o contenuti provenienti da più fonti. da http://it.wikipedia.org/wiki/Mash-up

Significato nel web 2.0

Mescolanza e ibridazione feconda

        La storia dell’Orchestra è iniziata con il salvataggio del Cinema Apollo di Roma. Lo storico locale era destinato a diventare una sala Bingo e dalla volontà di trasformarlo in un Laboratorio Internazionale di Cinema, Musica e Scrittura, si è sviluppata, nel 2002, l’idea di creare un’orchestra multietnica. Un gruppo composto da una ventina di musicisti provenienti da comunità e culture diverse, ognuno con i suoi strumenti e il suo bagaglio di musica popolare, in una fusione di culture e tradizioni, memorie e nuove sonorità, strumenti sconosciuti, melodie magicamente universali, voci del mondo. Ideata da Mario Tronco, ex membro della Piccola Orchestra Avion Travel, e prodotta da Apollo 11, l’Orchestra rappresenta un’esperienza forse unica al mondo, che assegna all’Italia un primato di cui essere fieri.   Questo progetto, che ha raccolto l'entusiasmo di migliaia di sostenitori ha suscitato via via l’interesse dei media italiani e stranieri, nonché l’attenzione di docenti e ricercatori universitari che ne studiano lo sviluppo con pubblicazioni monografiche e convegni. L’Orchestra di Piazza Vittorio rappresenta una realtà unica in Europa.   È la prima ed unica orchestra che, nata con l'auto-tassazione di alcuni cittadini, ha creato posti di lavoro e garantito permessi di soggiorno per eccellenti musicisti provenienti da tutto il mondo, ora di fatto nostri concittadini. Questi musicisti portano la testimonianza di musiche, culture e religioni diverse. Basta guardarli tutti insieme, sul palco, per comprendere quanto possano felicemente incarnare un messaggio di fratellanza e di pace ben più efficace di proclami, comizi e dibattiti televisivi.   Ma al di là del suo valore politico e sociale l’Orchestra si fa portatrice di un contenuto musicale e artistico unico e lo fa promuovendo la ricerca e l’integrazione di repertori musicali diversi e spesso sconosciuti al pubblico italiano, costituendo anche un mezzo di recupero e di riscatto per musicisti stranieri che vivono a Roma a volte in condizioni di emarginazione culturale e sociale. L’Orchestra in questo senso ha ottenuto un importante risultato: stabilire nel tempo un rapporto di continuità attraverso un contributo minimo garantito ai musicisti. L’obiettivo finale è la creazione di un’orchestra multietnica stabile.   L’Orchestra di Piazza Vittorio è anche un film documentario diretto da Agostino Ferrente e distribuito da Lucky Red. Un’opera che racconta la genesi dell’orchestra in uno straordinario miscuglio multietnico di storie, umanità e musica che per molte persone non sono solo la realizzazione di un sogno, ma una scelta di vita, un lavoro, una famiglia.     Houcine Ataa Tunisia - voce Peppe D’Argenzio Italia - sax baritono, clarinetto basso Evandro Cesar Dos Reis Brasile - voce, chitarra classica, cavaquinho Omar Lopez Valle Cuba - tromba, flicorno Awalys Ernesto “El Kiri” Lopez Maturell Cuba - batteria, congas John Maida Stati Uniti - violino Eszter Nagypal Ungheria - violoncello Gaia Orsoni Italia - viola Carlos Paz Ecuador - voce, flauti andini Pino Pecorelli Italia - contrabbasso, basso elettrico Raul “Cuervo” Scebba Argentina - marimba, glockenspiel, congas, percussioni El Hadji “Pap” Yeri Samb Senegal - voce, djembe, dumdum, sabar “Kaw” Dialy Mady Sissoko Senegal - voce, kora Giuseppe Smaldino Italia - corno Ziad Trabelsi Tunisia - oud, voce Mario Tronco Italia - direttore artistico, piano fender       www.orchestradipiazzavittorio.it  

Documentazione e pubblicazione

Podcast

Testimoniare il suono della multiculturalità

Flickr

Pubblicare album condivisi

Wikispaces

GoogleMaps, Vivere una geografia delle relazioni

Piattaforma collaborativa

Risorse

Suonipoetici

Musica, arte, tecnologia

Motore di ricerca per mappe

Materiali (non solo) per la scuola dell'infanzia

Materiali dei convegni "interculturalmente" Istituto Pedagogico Bolzano

Database libero suoni registrati

Il gioco dei suoni

Musica Iraniana e Persiana

Software portabili