Online Mind Mapping and Brainstorming

Create your own awesome maps

Online Mind Mapping and Brainstorming

Even on the go

with our free apps for iPhone, iPad and Android

Get Started

Already have an account? Log In

Progetto SOFT by Mind Map: Progetto SOFT
5.0 stars - 1 reviews range from 0 to 5

Progetto SOFT

Strumenti di lavoro

wikispaces

Tools collaborativi

I protagonisti

Istituto pedagogico

Le scuole

Il comitato ed il nucleo di valutazione

L'Intendenza scolastica

Esperti esterni

Ivan Eccli

Gli Ispettori della Sovrintendenza scolastica

Step

Progettazione

Momenti seminariali

Lavoro sul campo

Laboratori PSL Intendenza scolastica

Laboratori PSL Intendenza scolastica: Il Piano Sviluppo Laboratori (P.S.L.)  Il Laboratorio come luogo e tempo che abilita le persone al dialogo con i saperi. Il laboratorio come esperienza condivisa che evita alla cultura di ridursi a pura erudizione e che fa confluire il vissuto, quale linfa vitale, in una sintesi formale.  Il laboratorio per un processo educativo che non va limitato ai soli contenuti, ma aperto ai soggetti che dialogano e che, insieme, acquisiscono con gusto in una logica costruttiva nuove competenze. Il laboratorio come esperienza che promuove una logica euristica andando oltre la pura logica espositiva. Il laboratorio come pedagogia della e per la persona: soggetti - alunni, docenti, genitori, dirigenti, personale amministrativo - che si incontrano nella comunità scolastica e che danno un senso al processo di insegnamento/apprendimento anche attraverso l'humus delle loro relazioni personali.  - Isp. Marino Gandelli,  coordinatore PSL

L'inizio

Le indicazioni provinciali

Finalità

Comunicati stampa Scuola / Cultura | 04.08.2009 | 16:28 Soddisfatto l’ass. Tommasini per l’OK alle “Indicazioni provinciali sui curricoli scolastici"   L’assessore provinciale alla scuola di lingua italiana, Christian Tommasini, esprime in una nota la sua soddisfazione per la delibera recentemente approvata dalla Giunta ed aggiunge “La scuola è il luogo centrale e strategico per la crescita della nostra comunità e con l’approvazione di questa delibera da parte della Giunta provinciale le scuole hanno ora la possibilità di potenziare e migliorare l’ambito logico-matematico, l’insegnamento delle lingue e lo sviluppo delle eccellenze”. Le norme approvate comprendono le linee guida per le discipline (i programmi scolastici) e le linee guida per l’organizzazione. Queste ultime richiamano quanto approvato per le scuole in lingua tedesca e delle località ladine, con alcune differenze. Nelle scuole in lingua italiana si sono volute incentivare la continuità e le programmazione tra i due ordini di  scuole, introducendo quattro  bienni. In tale modo il terzo biennio comprenderà la quinta classe della scuola elementare e  la prima della media. Si sono inoltre regolamentati gli orari del tempo prolungato e quelli delle scuole secondarie con i corsi ad indirizzo musicale. La delibera introduce inoltre i criteri generali di qualità, seguendo i quali gli istituti scolastici dovranno creare un ambiente scolastico finalizzato all’apprendimento autonomo degli alunni ed alla valorizzazione della molteplicità delle intelligenze. Le “Indicazioni” approvate dalla Giunta provinciale dovranno essere sperimentate nei due prossimi anni scolastici da parte delle diverse scuole.    

Il mandato all'Istituto pedagogico di concerto con il Sovrintendente scolastico

Il parere del Ministero